INDEL B SPA Not Applicable Il Gruppo INDEL B SPA (di seguito “Il Gruppo”) è attivo nel settore della refrigerazione mobile applicabile per i comparti “Automotive”, “Leisure time” e nel settore della refrigerazione nel comparto “Hospitality”. Il Gruppo è inoltre attivo nel settore della climatizzazione mobile, con particolare riferimento al mercato Automotive rappresentato da veicoli commerciali, minibus, ambulanze, macchine agricole e movimento terra,e nel settore delle “Cooling Appliances” che comprendono principalmente cantine per la conservazione del vino e piccoli frigoriferi per la conservazione del latte. Italia Sant’Agata Feltria, Via Sarsinate 27 S.P.A. Amp. Fin. S.r.l. INDEL B SPA Italia Italia 8156002FF3087F1D0E94 2020-01-01 2020-12-31 8156002FF3087F1D0E94 2019-01-01 2019-12-31 8156002FF3087F1D0E94 2018-12-31 ifrs-full:OtherReservesMember 8156002FF3087F1D0E94 2020-12-31 8156002FF3087F1D0E94 2019-12-31 8156002FF3087F1D0E94 2019-01-01 2019-12-31 ifrs-full:OtherReservesMember 8156002FF3087F1D0E94 2019-01-01 2019-12-31 ifrs-full:EquityAttributableToOwnersOfParentMember 8156002FF3087F1D0E94 2020-01-01 2020-12-31 ifrs-full:OtherReservesMember 8156002FF3087F1D0E94 2020-01-01 2020-12-31 ifrs-full:EquityAttributableToOwnersOfParentMember 8156002FF3087F1D0E94 2020-01-01 2020-12-31 ifrs-full:NoncontrollingInterestsMember 8156002FF3087F1D0E94 2018-12-31 8156002FF3087F1D0E94 2018-12-31 ifrs-full:IssuedCapitalMember 8156002FF3087F1D0E94 2018-12-31 ifrs-full:RetainedEarningsMember 8156002FF3087F1D0E94 2018-12-31 ifrs-full:EquityAttributableToOwnersOfParentMember 8156002FF3087F1D0E94 2019-01-01 2019-12-31 ifrs-full:RetainedEarningsMember 8156002FF3087F1D0E94 2019-01-01 2019-12-31 ifrs-full:NoncontrollingInterestsMember 8156002FF3087F1D0E94 2019-12-31 ifrs-full:IssuedCapitalMember 8156002FF3087F1D0E94 2019-12-31 ifrs-full:OtherReservesMember 8156002FF3087F1D0E94 2019-12-31 ifrs-full:RetainedEarningsMember 8156002FF3087F1D0E94 2019-12-31 ifrs-full:EquityAttributableToOwnersOfParentMember 8156002FF3087F1D0E94 2019-12-31 ifrs-full:NoncontrollingInterestsMember 8156002FF3087F1D0E94 2020-01-01 2020-12-31 ifrs-full:RetainedEarningsMember 8156002FF3087F1D0E94 2020-12-31 ifrs-full:IssuedCapitalMember 8156002FF3087F1D0E94 2020-12-31 ifrs-full:OtherReservesMember 8156002FF3087F1D0E94 2020-12-31 ifrs-full:RetainedEarningsMember 8156002FF3087F1D0E94 2020-12-31 ifrs-full:EquityAttributableToOwnersOfParentMember 8156002FF3087F1D0E94 2020-12-31 ifrs-full:NoncontrollingInterestsMember 8156002FF3087F1D0E94 2018-12-31 ifrs-full:NoncontrollingInterestsMember iso4217:EUR iso4217:EUR xbrli:shares



indel B

GraphicsGraphics

 

 

 

 

INDEL B SPA

BILANCIO CONSOLIDATO

AL 31 DICEMBRE 2020

 


BILANCIO CONSOLIDATO AL 31.12.2020

PROSPETTI DEL BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO INDEL B SPA

SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA CONSOLIDATA

CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO

CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO CONSOLIDATO

PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO

RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO

 

NOTE ESPLICATIVE AL BILANCIO CONSOLIDATO

INFORMAZIONI GENERALI

SINTESI DEL PRINCIPI CONTABILI ADOTTATI

PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO

AREA DI CONSOLIDAMENTO

CRITERI APPLICATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DI BILANCIO

TIPOLOGIA E PROCEDURE DI GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

INFORMATIVA PER SETTORE OPERATIVO

NOTE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

NOTE AL CONTO ECONOMICO

EVENTI ED OPERAZIONI SIGNIFICATIVE NON RICORRENTI

ALTRE INFORMAZIONI

TRANSAZIONI CON PARTI CORRELATE

INFORMATIVA AI SENSI DELLA LEGGE N. 124/2017

FATTI DI RILIEVO AVVENUTI DOPO LA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO 2019

SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA CONSOLIDATA

 

SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA CONSOLIDATA

 

 

 

 

 

 

 

(In migliaia di Euro)

Note

31/12/2020

Di cui parti correlate

Peso %

31/12/2019

Di cui parti correlate

Peso %

ATTIVO

 

 

 

 

 

 

 

Attività non correnti

 

 

 

 

 

 

 

Avviamento

8

8.527

-

 

8.527

-

 

Altre Attività Immateriali

8

7.382

-

 

8.852

-

 

Attività Materiali

9

34.775

-

 

33.018

-

 

Diritto d'uso

10

2.735

2.016

74%

2.965

1.981

67%

Partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto

11

12.937

-

 

17.279

-

 

Altre Partecipazioni

12

66

-

 

66

-

 

Altri crediti e altre attività non correnti

13

268

50

19%

91

-

0%

Attività per imposte anticipate

21

794

-

 

1.169

-

 

Totale attività non correnti

 

67.484

2.066

3%

71.967

1.981

3%

Attività correnti

 

 

 

 

 

 

 

Rimanenze

14

35.725

32

0%

37.576

8

0%

Crediti commerciali

15

28.729

2.877

10%

26.786

2.531

9%

Disponibilità liquide e mezzi equivalenti

16

43.094

-

 

20.880

-

 

Crediti per imposte sul reddito

23

1.306

-

 

526

-

 

Altri crediti e altre attività correnti

13

3.184

816

26%

4.574

-

0%

Totale attività correnti

 

112.038

3.725

3%

90.342

2.539

3%

TOTALE ATTIVO

 

179.522

5.791

3%

162.309

4.520

3%

PATRIMONIO NETTO E PASSIVO

 

 

 

 

 

 

 

Patrimonio Netto

 

 

 

 

 

 

 

Capitale sociale

 

5.842

-

 

5.842

-

 

Riserve

 

80.643

-

 

69.085

-

 

Risultato di esercizio

 

6.188

-

 

15.740

-

 

Totale patrimonio netto

17

92.673

-

 

90.667

-

 

Patrimonio Netto di terzi

 

 

 

 

 

 

 

Capitale sociale e riserve di terzi

 

55

-

 

40

-

 

Risultato di esercizio di terzi

 

9

-

 

31

-

 

Totale patrimonio netto di terzi

17

64

-

 

71

-

 

Passività non correnti

 

 

 

 

 

 

 

Fondi per rischi e oneri

18

2.083

-

 

1.855

-

 

Benefici per i dipendenti

19

1.661

-

 

1.941

-

 

Passività finanziarie non correnti

20

28.805

1.882

7%

21.685

1.852

9%

Passività per imposte differite

21

2.431

-

 

2.738

-

 

Altre passività non correnti

 24  

14

-

 

-

-

 

Totale passività non correnti

 

34.994

1.882

5%

28.219

1.852

 

Passività correnti

 

 

 

 

 

 

 

Debiti commerciali

22

25.923

4.365

17%

24.360

3.106

13%

Debiti per imposte sul reddito

23

83

-

 

19

-

 

Passività finanziarie correnti

20

18.876

159

1%

11.748

134

1%

Altre passività correnti

24

6.909

6

0%

7.225

308

4%

Totale passività correnti

 

51.791

4.530

9%

43.352

3.548

8%

TOTALE PATRIMONIO NETTO E PASSIVO

 

179.522

6.412

4%

162.309

5.400

3%

 

 

 


CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO

(In migliaia di Euro)

Note

31/12/2020

Di cui parti correlate

Peso %

%

31/12/2019

Di cui parti correlate

Peso %

%

Ricavi

26

124.281

12.604

10%

97%

152.363

11.427

7%

98%

Altri Ricavi e proventi

27

3.416

426

12%

3%

2.434

380

16%

2%

Totale ricavi

 

127.697

13.030

10%

100%

154.797

11.807

8%

100,0%

Acquisti e consumi di materie prime, semilavorati e prodotti finiti

28

(70.316)

(15.144)

22%

-55%

(87.072)

(19.057)

22%

-56%

Costi per servizi

29

(16.851)

(105)

1%

-13%

(19.173)

(252)

1%

-12%

Costi per il personale

30

(22.400)

 

0%

-18%

(25.675)

 

0%

-16%

Altri Costi Operativi

31

(1.595)

(13)

1%

-1%

(810)

(16)

2%

-0%

Quota di risultato delle partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto

32

(1.761)

 

0%

-1%

3.565

 

0%

2%

Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni

33

(5.606)

(173)

3%

-4%

(4.663)

(171)

4%

-3,%

Risultato operativo

 

9.168

(2.405)

-26%

7%

20.969

(7.689)

-37%

13%

Proventi (oneri) finanziari netti

34

105

(46)

-44%

0%

(373)

14

-4%

-0%

Proventi (oneri) da partecipazioni

 

-

 

 

0%

-

 

 

0%

Risultato prima delle imposte

 

9.273

(2.451)

-26%

7%

20.596

(7.675)

-37%

13%

Imposte sul reddito

35

(3.076)

 

0%

-2%

(4.825)

 

0%

-3%

Risultato dell'esercizio

 

6.197

(2.451)

-40%

5%

15.771

(7.675)

-49%

10%

Utile (Perdita) d'esercizio di pertinenza di terzi

 

9

 

0%

0%

31

 

0%

0%

Risultato dell'esercizio per il gruppo

 

6.188

(2.451)

-40%

5%

15.740

(7.675)

-49%

10%

Utile per azione base e diluito (in Euro)

36

1,08

 

 

 

2,71

 

 

 

 

CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO CONSOLIDATO

(In migliaia di Euro)

 

31/12/2020

31/12/2019

Utile (perdita) dell'esercizio (A)

 

6.197

15.771

Utili/(perdite) attuariali per benefici ai dipendenti e fondi per indennità suppletiva di clientela

 

(51)

68

Effetto fiscale - Utili/(perdite) attuariali per benefici ai dipendenti e fondi per indennità suppletiva di clientela

 

13

19

Totale poste che non saranno successivamente riclassificate nel conto economico (B1)

 

(39)

(49)

Differenza da conversione

 

(3.494)

(98)

Totale poste che saranno successivamente riclassificate nel conto economico (B2)

 

(3.494)

(98)

Totale altre componenti del conto economico complessivo al netto dell'effetto fiscale (B)=(B1)+(B2)

 

(3.533)

(147)

Totale utile complessivo dell'esercizio (A)+(B)

 

2.664

15.624

di cui di Gruppo

 

2.672

15.581

di cui di Terzi

 

(7)

43

Utile per azione base e diluito (in Euro)

 

0,46

2,71

 

 

PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO

 

(In migliaia di Euro)

Note

Capitale sociale

Riserve

Risultato dell'esercizio

Patrimonio netto di Gruppo

Patrimonio netto di Terzi

Patrimonio netto totale

Saldo al 01/01/2019

17

5.842

63.476

11.528

80.846

20

80.866

Allocazione del risultato dell'esercizio precedente

 

 

11.528

(11.528)

-

 

-

Operazioni con gli azionisti:

 

 

 

 

 

 

 

Distribuzione di dividendi

 

 

(4.027)

 

(4.027)

 

(4.027)

Aumento capitale sociale

 

-

-

 

-

 

-

Acquisto azioni proprie

 

 

(1.751)

 

(1.751)

 

(1.751)

Variazione perimetro di consolidamento

 

 

6

 

6

20

26

Totale operazioni con gli azionisti

 

-

(5.772)

-

(5.772)

20

(5.752)

Risultato complessivo dell'esercizio:

 

 

 

 

 

 

 

Risultato dell'esercizio

 

 

 

15.740

15.740

31

15.771

Utili/(perdite) attuariali per benefici ai dipendenti e fondi per indennità suppletiva di clientela, al netto dell'effetto fiscale

 

 

(49)

 

(49)

 

(49)

Differenza da conversione

 

 

(98)

 

(98)

 

(98)

Totale risultato complessivo dell'esercizio

 

-

(147)

15.740

15.593

31

15.624

Saldo al 31/12/2019

17

5.842

69.085

15.740

90.667

71

90.738

Allocazione del risultato dell'esercizio precedente

 

 

15.740

(15.740)

-

 

-

Operazioni con gli azionisti:

 

 

 

 

 

 

 

Distribuzione di dividendi

 

 

 

 

-

 

-

Aumento capitale sociale

 

-

-

 

-

 

-

Acquisto azioni proprie

 

 

(649)

 

(649)

 

(649)

Variazione perimetro di consolidamento/ riserva di conversione di terzi

 

 

 

-

 

-

Totale operazioni con gli azionisti

 

-

(649)

-

(649)

-

(649)

Risultato complessivo dell'esercizio:

 

 

 

 

 

 

-

Risultato dell'esercizio

 

 

 

6.188

6.188

9

6.197

Utili/(perdite) attuariali per benefici ai dipendenti e fondi per indennità suppletiva di clientela, al netto dell'effetto fiscale

 

 

(39)

 

(39)

 

(39)

Differenza da conversione

 

 

(3.494)

 

(3.494)

(16)

(3.510)

Totale risultato complessivo dell'esercizio

 

-

(3.533)

6.188

2.655

(7)

2.648

Saldo al 31/12/2020

17

5.842

80.643

6.188

92.673

64

92.737

 

 

 

RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO           

(In migliaia di Euro)

Note

31/12/2020

31/12/2019

ATTIVITA' OPERATIVA

 

 

 

Risultato prima delle imposte

 

9.273

20.596

Rettifiche per:

 

 

 

Ammortamento delle attività materiali e immateriali

09-10-11

4.416

4.318

Accantonamenti al fondo svalutazione crediti

15

114

107

Accantonamenti al fondo rischi e oneri

18

1.074

756

Accantonamenti/rilasci al fondo obsolescenza magazzino

14

48

115

Quota di risultato delle partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto

31

1.761

(3.565)

(Proventi)/Oneri finanziari netti

33

105

384

Differenze cambio nette

 

189

(529)

Altre componenti non monetarie

 

(298)

(250)

Flussi di cassa dell’attività operativa ante variazioni di capitale circolante

 

16.682

21.932

Flusso di cassa generato / (assorbito) dalla variazione del capitale circolante:

 

1.808

1.031

- Crediti commerciali e altre attività

15-13

(1.506)

(82)

Crediti commerciali

 

(1.953)

 

Altri crediti e altre attività

 

447

 

- Rimanenze

14

1.803

1.690

- Debiti commerciali e altre passività

22-24

1.511

(577)

Debiti commerciali

 

1.531

 

Debiti per imposte sul reddito

 

427

 

Altre passività

 

(447)

 

Imposte pagate

 

(3.371)

(6.746)

Oneri finanziari netti pagati

 

(283)

(139)

Utilizzo fondi

 

(716)

(489)

Differenze cambio nette realizzate

 

213

583

Flusso di cassa generato/(assorbito) dall’attività operativa (A)

 

14.333

16.172

ATTIVITA' DI INVESTIMENTO

 

 

 

Investimenti netti in attività materiali e immateriali

9-10

(4.321)

(8.453)

Attività immateriali

 

(336)

 

Attività materiali

 

(3.985)

 

Flussi finanziari dell'esercizio per acquisizioni di controllate

 

-

(2.402)

Dividendi incassati

 

1.161

808

Flusso di cassa generato/(assorbito) dall’attività di investimento (B)

 

(3.160)

(10.047)

ATTIVITA' DI FINANZIAMENTO

 

 

 

Accensione di mutui e finanziamenti

20

30.507

8.000

Rimborso di mutui e finanziamenti

20

(13.419)

(6.171)

Dividendi pagati

 

-

(4.027)

Acquisto azioni proprie

 

(649)

(1.751)

Altre variazioni di attività e passività finanziarie

 

(4.945)

(179)

Flusso di cassa generato/(assorbito) dall’attività di finanziamento (C)

 

11.494

(4.128)

Incremento/(decremento) disponibilità liquide (A)+(B)+(C)

 

22.667

1.997

Disponibilità liquide e mezzi equivalenti all’inizio dell’esercizio

16

20.880

19.009

Effetto netto della conversione delle disponibilità liquide ed equivalenti espresse in valute estere

 

(453)

(126)

Disponibilità liquide e mezzi equivalenti alla fine dell’esercizio

16

43.094

20.880

 

Graphics


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTE ESPLICATIVE AL BILANCIO CONSOLIDATO

 

  1. INFORMAZIONI GENERALI

INDEL B SPA (di seguito “INDEL B SPA”, la “Società” o la “Capogruppo”), è una società costituita e domiciliata in Italia, con sede legale e amministrativa in Sant’Agata Feltria, Via Sarsinate 27, e organizzata secondo l’ordinamento giuridico della Repubblica Italiana.

Il Gruppo INDEL B SPA (di seguito “Il Gruppo”) è attivo nel settore della refrigerazione mobile applicabile per i comparti “Automotive”, “Leisure time” e nel settore della refrigerazione nel comparto “Hospitality”. Il Gruppo è inoltre attivo nel settore della climatizzazione mobile, con particolare riferimento al mercato Automotive rappresentato da veicoli commerciali, minibus, ambulanze, macchine agricole e movimento terra,e nel settore delle “Cooling Appliances” che comprendono principalmente cantine per la conservazione del vino e piccoli frigoriferi per la conservazione del latte.

Al 31 dicembre 2020 il capitale sociale della Società, pari a Euro 5.842.000, è detenuto per il 68,33% da Amp. Fin. S.r.l., con sede legale in Pesaro, 2,12% sono azioni proprie e il 29,55% è flottante sul mercato MTA di Borsa Italiana.

Il presente documento è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società in data 16 aprile 2021.

 

 

 

 

  1. SINTESI DEI PRINCIPI CONTABILI ADOTTATI

Di seguito sono riportati i principali criteri e principi contabili applicati nella preparazione del Bilancio Consolidato.

 

2.1. Base di preparazione

Il Bilancio Consolidato è stato predisposto in accordo con gli UE-IFRS, intendendosi per tali tutti gli ”International Financial Reporting Standards”, tutti gli ”International Accounting Standards” (IAS), tutte le interpretazioni dell’“International Reporting Interpretations Committee” (IFRIC), precedentemente denominate “Standard Interpretations Committee” (SIC) che, alla data di chiusura del Bilancio Consolidato, siano state oggetto di omologazione da parte dell’Unione Europea secondo la procedura prevista dal Regolamento (CE) n. 1606/2002 dal Parlamento Europeo e dal Consiglio Europeo del 19 luglio 2002. Gli IFRS sono stati applicati in modo coerente a tutti i periodi presentati.

Il Bilancio Consolidato è stato redatto in Euro, che rappresenta la valuta dell’ambiente economico prevalente in cui opera il Gruppo. Tutti gli importi inclusi nel presente documento sono presentati in migliaia di Euro, salvo ove diversamente indicato.

Di seguito sono indicati gli schemi di bilancio e i relativi criteri di classificazione adottati dal Gruppo, nell’ambito delle opzioni previste dallo IAS 1 - Presentazione del bilancio:

        il prospetto della situazione patrimoniale-finanziaria consolidata è stato predisposto classificando le attività e le passività secondo il criterio “corrente/non corrente”;

        il prospetto di conto economico consolidato è stato predisposto separatamente dal prospetto di conto economico complessivo consolidato, ed è stato predisposto classificando i costi operativi per natura;

        il prospetto di conto economico complessivo consolidato comprende, oltre al risultato dell’esercizio, le altre variazioni delle voci di patrimonio netto riconducibili a operazioni non poste in essere con gli azionisti della Società;

        il prospetto di rendiconto finanziario consolidato è stato predisposto esponendo i flussi finanziari derivanti delle attività operative secondo il “metodo indiretto”.

Il 2020 è stato impattato, da un punto di vista economico e sociale, della pandemia COVID-19, che ha visto tutte le aziende a livello globale impegnate a fronteggiare una imponente situazione di emergenza sanitaria. Fin dall’inizio dell’emergenza, Indel B ha seguito con molta attenzione gli sviluppi della diffusione del COVID-19, ed adottando tempestivamente tutte le necessarie misure di prevenzione, controllo e contenimento della pandemia presso le proprie sedi a livello globale. Nel corso dei primi sei mesi del 2020 tutti gli stabilimenti in cui il Gruppo opera sono stati oggetto di periodi di lockdown, differenti per Paese; per la ripartenza dei siti produttivi, il Gruppo ha predisposto tutte le misure necessarie a contrastare il virus e a tutelare la salute dei propri dipendenti e collaboratori: azioni di modifica dei layout produttivi, sanificazione dei locali, acquisto di dispositivi di protezione individuale, misurazione della temperature, diffusione di regole di igiene e distanziamento sociale, estensione dello smart working. Oltre alla decisione di non distribuire dividendi sugli utili 2019, al fine di sostenere la solidità patrimoniale del Gruppo e contenere i futuri impatti economico-finanziari, è stata ulteriormente rafforzata la struttura finanziaria del Gruppo con nuovi contratti di finanziamento a medio/lungo termine, Per contenere il costo del personale temporaneamente in esubero, sono stati attivati gli ammortizzatori sociali ed altre forme di supporto pubblico a tutela dei lavoratori presenti in ogni paese. Sono stati inoltre avviati piani di contenimento dei costi, in special modo, viaggi, fiere, spese generali oltre alla rinegoziazione di alcuni contratti di fornitura, così come azioni per il contenimento del capitale circolante. In tale contesto ed in considerazione delle numerose normative emanate dalle Autorità italiane, e tenuto conto del Richiamo d’attenzione di CONSOB n. 1 del 16 febbraio 2021, il Consiglio di Amministrazione ed il Management hanno posto particolare attenzione al processo di pianificazione messo in atto dalla Società, considerando i possibili impatti sugli obiettivi e sui rischi derivanti dalla pandemia, dall’utilizzo delle misure di sostegno all’economia e dalla loro eventuale interruzione, vigilando altresì sulle ripercussioni delle azioni messe in atto dalla Direzione amministrativa sui dati finanziari. A tal fine sono stati intensificati i flussi informativi con la stessa Direzione amministrativa, preposta alla redazione del progetto di bilancio, e sono state intensificate le riunioni, anche se svolte in alcuni casi da “remoto”, con la società di revisione, al fine del reciproco scambio di informazioni utili per lo svolgimento dei rispettivi compiti anche ai sensi dell’art. 150, comma 3, del TUF. Il Collegio Sindacale ha verificato che nella Relazione Finanziaria 2020 gli Amministratori, aderendo alle raccomandazioni di CONSOB e ESMA (European Securities and Markets Authority), abbiano incluso le informazioni sopra riportate.

Allo stato attuale gli ordini da parte dei principali clienti del Gruppo sono cospicui, pertanto, nonostante l’incertezza del periodo, non sono individuabili ad oggi, elementi di criticità in relazione alla recuperabilità del Capitale Investito Netto.

A seguito degli effetti derivanti dall’emergenza Covid-19 sul business, considerato comunque un trigger event, il gruppo ha provveduto ad effettuare analisi qualitativa delle principali voci dell’attivo patrimoniale, al fine di rilevare l’eventuale presenza di perdite di valore. Laddove ritenuto necessario, sulla base dell’analisi qualitativa preliminarmente svolta, si è proceduto all’elaborazione di un impairment test. Tale analisi, effettuata da specialisti del settore della società Deloitte & Touche ed approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 16 aprile 2021, non ha evidenziato perdite di valore per gli avviamenti presenti in bilancio mentre ha portato all’iscrizione in bilancio della svalutazione di una partecipazione nella società collegata in Brasile per 4,7 mln di Euro. Tale importo rappresenta la differenza tra l’Equity Value e un valore di carico della partecipazione, già dedotte delle perdite su cambi del periodo iscritte con contropartita riserva di conversione, dei dividendi incassati e incrementato degli ultili del periodo.

Sulla base delle analisi di sensitivity, degli stress test effettuati e delle azioni sopra descritte, già intraprese, della liquidità presente in azienda, gli Amministratori non ritengono che l'impatto del virus COVD-19 possa avere un effetto negativo rilevante sulla nostra situazione economico-finanziaria e sulla liquidità e quindi sulla capacità del Gruppo di far fronte alle proprie obbligazioni in un periodo di tempo prevedibile, pertanto i presenti Bilancio Separato e il Bilancio Consolidato sono stati redatti nel presupposto della continuità aziendale.

 

2.2. Principi contabili di recente emanazione

Principi contabili, modifiche e interpretazioni applicabili a partire dall’esercizio 2020

Di seguito sono indicati i principi contabili internazionali, le interpretazioni, le modifiche a esistenti principi contabili e interpretazioni, ovvero specifiche previsioni contenute nei principi e nelle interpretazioni approvati dallo IASB, applicabili a partire dall’esercizio 2020:

 

Principio contabile

Omologato dall’UE

Data di efficacia

Amendments to References to the Conceptual Framework in IFRS Standards

Si

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2020

Amendment to IFRS 3 Business Combinations

Si

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2020

Amendments to IAS 1 and IAS 8: Definition of Material

Si

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2020

Amendments to IFRS 9, IAS 39, IFRS 7 (Interest Rate Benchmark Reform)

Si

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2020

Amendment to IFRS 16 Leases Covid 19- Related Rent Concessions

Si

Esercizi che iniziano a partire dal 1° giugno 2020

 

Si precisa che i principi in vigore dall’esercizio 2020, e le modifiche agli stessi, non hanno avuto alcun impatto sul bilancio consolidato del Gruppo.

Principi contabili, modifiche e interpretazioni non ancora applicabili e non adottati in via anticipata dal Gruppo

 

Di seguito sono indicati i nuovi principi contabili internazionali, le nuove interpretazioni, le modifiche a esistenti principi contabili e interpretazioni, ovvero specifiche previsioni contenute nei principi e nelle interpretazioni approvati dallo IASB, con indicazione di quelli omologati o non omologati per l’adozione in Europa alla data di approvazione del presente documento:

 

Principio contabile

Omologato dall’UE

Data di efficacia

Amendments to IFRS 9, IAS 39, IFRS 7, IFRS 4 and IFRS 16 Interest Rate Benchmark Reform – Phase 2

Si

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2021

Amendments to IFRS 4 Insurance Contracts – deferral of IFRS19

Si

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2021

IFRS 17 Insurance Contracts

No

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2023

Amendments to IAS 1 Presentation of Financial Statements:: Classification of Liabilities as Current or Non-current and Classification of Liabilities as Current or Non-current - Deferral of Effective Date

No

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2023

Amendments to  IFRS 3 Business Combinations;  IAS 16 Property, Plant and Equipment; IAS 37 Provisions, Contingent Liabilities and Contingent Assets Annual Improvements 2018-2020

No

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2022

Amendments to IAS 1 Presentation of Financial Statements and IFRS Practice Statement 2: Disclosure of Accounting policies

No

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2023

Amendments to IAS 8 Accounting policies, Changes in Accounting Estimates and Errors: Definition of Accounting Estimates

No

Esercizi che iniziano a partire dal 1° gennaio 2023

 

 

Si precisa che non sono stati applicati anticipatamente principi contabili e/o interpretazioni, la cui applicazione risulterebbe obbligatoria per esercizi che iniziano a partire dal 1 gennaio 2021 o che non sono ancora stati omologati dalla UE.

L’analisi preliminare degli eventuali impatti derivanti dall’adozione dei nuovi principi è attualmente in corso.

 

 

 

 

  1. PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO

Il Bilancio Consolidato include il bilancio di esercizio della Società e delle società controllate, approvati dai Consigli d'Amministrazione delle singole società opportunamente rettificati, ove necessario, per uniformarli ai principi contabili adottati dalla Società. Si segnala che tutte le società del Gruppo chiudono il proprio esercizio al 31 dicembre. Le società incluse nell’area di consolidamento al 31 dicembre 2020 e al 31 dicembre 2019 sono dettagliate nel successivo paragrafo 4. “Area di consolidamento”.

3.1. Società controllate

Le società controllate sono le imprese in cui il Gruppo è esposto, o ha diritto a partecipare, alla variabilità dei relativi ritorni economici ed è in grado di esercitare il proprio potere decisionale sulle attività rilevanti della partecipata in modo da influenzare tali ritorni. L’esistenza del controllo è verificata ogni volta che fatti e circostanze indicano una variazione in uno o più dei tre elementi qualificanti il controllo. Generalmente si presume l’esistenza del controllo quando il Gruppo detiene, direttamente o indirettamente, più della metà dei diritti di voto, tenendo in considerazione anche quelli potenziali immediatamente esercitabili o convertibili.

Le attività e le passività, gli oneri e i proventi delle imprese controllate sono assunti linea per linea, a partire dalla data in cui la Capogruppo ne assume il controllo diretto o indiretto (ossia per il tramite di una o più altre controllate) e fino alla data in cui tale controllo cessa di esistere, attribuendo, ove applicabile, ai soci di minoranza la quota di patrimonio netto e del risultato netto del periodo di loro spettanza, evidenziando le stesse separatamente in apposite voci del patrimonio netto e del conto economico complessivo consolidato. In presenza di quote di partecipazione acquisite successivamente all’assunzione del controllo (acquisto di interessenze di terzi), l’eventuale differenza positiva tra il costo di acquisto e la corrispondente frazione di patrimonio netto acquisita è rilevata nel patrimonio netto di competenza del Gruppo; analogamente, sono rilevati a patrimonio netto gli effetti derivanti dalla cessione di quote di minoranza senza perdita del controllo. Differentemente, la cessione di quote che comporta la perdita del controllo determina la rilevazione a conto economico:

         dell’eventuale plusvalenza/minusvalenza calcolata come differenza tra il corrispettivo ricevuto e la corrispondente frazione di patrimonio netto consolidato ceduta;

         dell’effetto della rimisurazione dell’eventuale partecipazione residua mantenuta per allinearla al relativo fair value (valore equo);

         degli eventuali valori rilevati nelle altre componenti del risultato complessivo relativi alla ex controllata per i quali sia previsto il rigiro a conto economico, ovvero in caso non sia previsto il rigiro a conto economico a utili (perdite) portate a nuovo.

Il valore dell’eventuale partecipazione mantenuta, allineato al relativo fair value (valore equo) alla data di perdita del controllo, rappresenta il nuovo valore di iscrizione della partecipazione e pertanto il valore di riferimento per la successiva valutazione della partecipazione secondo i criteri di valutazione applicabili.

 

3.2. Operazioni infragruppo

Gli utili derivanti da operazioni tra società consolidate integralmente, non ancora realizzati nei confronti di terzi, sono eliminati, così come sono eliminati i crediti, i debiti, i proventi e gli oneri, le garanzie, gli impegni e i rischi tra imprese consolidate.

Gli utili e le perdite non ancora realizzati verso terzi, derivanti da transazioni con società valutate secondo il metodo del patrimonio netto sono eliminati per la quota di competenza del Gruppo.

 

3.3. Società collegate

Le società collegate sono imprese in cui il Gruppo esercita un’influenza notevole sulla determinazione delle scelte amministrative e gestionali, pur non avendone il controllo o il controllo congiunto. Generalmente si presume l’esistenza d’influenza notevole quando il Gruppo detiene, direttamente o indirettamente, tra il 20% ed il 50% dei diritti di voto.

Le partecipazioni in società collegate sono valutate con il metodo del patrimonio netto.

Di seguito è descritta la metodologia di applicazione del metodo del patrimonio netto:

(i)                   il valore contabile delle partecipazioni è allineato al patrimonio netto della società partecipata rettificato, ove necessario, per riflettere l’applicazione di principi contabili conformi a quelli applicati dalla Società e comprende, ove applicabile, l’iscrizione dell’eventuale avviamento individuato al momento della acquisizione;

(ii)                 gli utili o le perdite di pertinenza del Gruppo sono contabilizzati nel conto economico del bilancio consolidato dalla data in cui l’influenza notevole ha avuto inizio e fino alla data in cui essa cessa. Nel caso in cui, per effetto delle perdite, la società evidenzi un patrimonio netto negativo, il valore di carico della partecipazione è annullato e l’eventuale eccedenza di pertinenza del Gruppo è rilevata in un apposito fondo solo nel caso in cui il Gruppo si sia impegnato ad adempiere a obbligazioni legali o implicite dell’impresa partecipata o comunque a coprirne le perdite. Le variazioni di patrimonio netto delle società partecipate non determinate dal risultato di conto economico sono contabilizzate direttamente a rettifica delle riserve di patrimonio netto del Gruppo;

(iii)                gli utili non realizzati generati su operazioni poste in essere tra la Società e società controllate o società partecipate sono eliminati in funzione del valore della quota di partecipazione del Gruppo nelle società partecipate. Le perdite non realizzate sono eliminate ad eccezione del caso in cui esse siano rappresentative di riduzione di valore;

(iv)               nel caso in cui una società collegata rilevi una rettifica con diretta imputazione a patrimonio netto, il Gruppo rileva anche in questo caso la sua quota di pertinenza e ne da rappresentazione quando è applicabile nel prospetto di movimentazione del patrimonio netto.

 

3.4. Joint venture

Le joint venture sono imprese in cui il Gruppo esercita un controllo congiunto, basato sui diritti di voto esercitabili, conformemente ad accordi contrattuali, patti parasociali o allo statuto delle società.

Le partecipazioni in joint venture sono consolidate con il metodo del patrimonio netto, così come descritto alla precedente nota 3.3 “Società collegate”, a partire dalla data in cui si verifica il controllo congiunto e fino alla data in cui tale controllo viene meno.

 

3.5. Conversione dei bilanci delle imprese estere

I bilanci delle società controllate, collegate e joint venture sono redatti utilizzando la valuta dell’ambiente economico in cui esse operano (la “Valuta Funzionale”). Il Bilancio Consolidato è presentato in Euro che è la Valuta Funzionale della Capogruppo.

Le regole di traduzione dei bilanci delle società, espressi in valuta diversa dall’Euro, sono le seguenti:

(i)                   le attività e le passività, incluso l’avviamento e le attività e passività emerse in sede di PPA, sono convertite utilizzando i tassi di cambio in essere alla data di riferimento del bilancio;

(ii)                 i costi ed i ricavi sono convertiti al cambio medio del periodo;

(iii)                la “riserva di conversione” accoglie sia le differenze di cambio generate dalla conversione delle grandezze economiche a un tasso di cambio differente da quello di chiusura che quelle generate dalla traduzione dei patrimoni netti d’apertura a un tasso di cambio differente da quello di chiusura del periodo;

(iv)               l’avviamento e gli aggiustamenti derivanti dal fair value (valore equo) correlati all’acquisizione di un’entità estera sono trattati come attività e passività dell’entità estera e tradotti al cambio di fine periodo.

Nella seguente tabella sono riepilogati i tassi di cambio utilizzati per la conversione dei bilanci delle società che hanno una valuta funzionale diversa dall’Euro.

 

 

al 31/12/2020

al 31/12/2020

al 31/12/2019

al 31/12/2019

Valuta

Puntuale

Medio

Puntuale

Medio

BRL

            6,3735

            5,8943

            4,5157

            4,4134

PLN

            4,5597

            4,4430

            4,2568

            4,2976

RMB

            8,0225

            7,8747

            7,8205

            7,7355

RUB

          91,4671

          82,7248

          69,9563

          72,4553

USD

            1,2271

            1,1422

            1,1234

            1,1195

 

 

 

 

  1. AREA DI CONSOLIDAMENTO

 

Di seguito si riporta l’elenco delle società incluse nell’area di consolidamento, con indicazione della metodologia di consolidamento per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2020 e 2019:

 

Denominazione sociale

Sede

Valuta

Capitale sociale al 31/12/2020

% di possesso

(in unità di valuta)

31/12/2020

31/12/2019

Società Capogruppo:

 

 

 

 

 

INDEL B S.p.A.

Italia

EUR

5.842.000

 

 

Società controllate - consolidate col metodo integrale

 

 

 

 

 

Condor B S.r.l.

Italia

EUR

728.000

100,0%

100,0%

Indel B North America

USA

USD

10.133

100,0%

100,0%

Autoclima S.p.A.

Italia

EUR

2.750.000

100,0%

100,0%

Autoclima GMBH

Germania

EUR

100.000

100,0%

100,0%

Autoclima Russ

Russia

RUB

7.500.000

70,0%

70,0%

Autoclima Iberica

Spagna

EUR

150.000

90,0%

90,0%

Autoclima Polska

Polonia

PLN

500.000

85,0%

85,0%

Società collegate - controllate congiuntamente, consolidate col metodo del patrimonio netto

 

 

 

 

 

Indel Webasto Marine S.r.l. (*)

Italia

EUR

101.490

50,0%

50,0%

Guandong Indel B Enterprise Co. Ltd

Cina

RMB

43.149.650

27,3%

27,3%

Elber Industria de Refrigeracao Ltda

Brasile

BRL

6.896.810

40,0%

40,0%

(*) Si precisa che la società Indel Webasto Marine S.r.l. detiene una partecipazione pari al 100% nella società Indel Webasto Marine Usa Inc.

 

Al 31 dicembre 2020 nessuna tra le società incluse nel perimetro di consolidamento opera in Paesi in iperinflazione.

 

 

  1. CRITERI APPLICATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DI BILANCIO

I criteri di valutazione più significativi adottati per la redazione del Bilancio Consolidato sono indicati nei punti seguenti:

5.1 Attività non correnti

Attività immateriali

Le attività immateriali sono costituite da elementi non monetari, identificabili e privi di consistenza fisica, controllabili e atti a generare benefici economici futuri. Tali elementi sono inizialmente rilevati al costo di acquisto e/o di produzione, comprensivo delle spese direttamente attribuibili per predisporre l’attività al suo utilizzo. Le attività immateriali sono ammortizzate in quote costanti lungo la loro stimata vita utile; le aliquote di ammortamento sono riviste su base annuale e sono modificate se l’attuale vita utile differisce da quella stimata in precedenza. La vita utile stimata dal Gruppo per le varie categorie di attività immateriali, valida per tutti i periodi presentati, è riportata di seguito.

Categoria

Vita utile

Diritti di brevetto industriale

18 anni

Licenze e concessioni

3 anni

Marchi

18-20 anni

Altri costi pluriennali e costi ricerca e sviluppo

5 anni

Know-how

5 anni

Lista clienti

15 anni

 

Costi di sviluppo

I costi relativi all'attività di ricerca e sviluppo sono imputati al conto economico dell'esercizio in cui vengono sostenuti, ad eccezione dei costi di sviluppo iscritti tra le attività immateriali laddove risultano soddisfatte tutte le seguenti condizioni:

         il progetto è chiaramente identificato ed i costi a esso riferiti sono identificabili e misurabili in maniera attendibile;

         è dimostrata la fattibilità tecnica del progetto;

         è dimostrata l'intenzione di completare il progetto e di vendere i beni immateriali generati dal progetto;

         esiste un mercato potenziale o, in caso di uso interno, è dimostrata l’utilità dell’immobilizzazione immateriale per la produzione dei beni immateriali generati dal progetto;

         sono disponibili le risorse tecniche e finanziarie necessarie per il completamento del progetto.

L'ammortamento dei costi di sviluppo iscritti tra le attività immateriali inizia dalla data in cui il risultato, generato dal progetto, è commercializzabile. L’ammortamento è effettuato in quote costanti in un periodo corrispondente alla vita utile stimata dei progetti di riferimento, pari a 5 anni.

Avviamento e aggregazioni aziendali

 

Il Gruppo utilizza il purchase method (metodo dell’acquisizione) per la contabilizzazione delle aggregazioni di impresa. Secondo tale metodo:

 

i)                il corrispettivo trasferito in un’aggregazione aziendale è valutato al fair value, calcolato come la somma dei fair value delle attività trasferite e delle passività assunte dal Gruppo alla data di acquisizione e degli strumenti di capitale emessi in cambio del controllo dell’impresa acquisita. Gli oneri accessori alla transazione sono rilevati nel conto economico nel momento in cui sono sostenuti;

 

ii)              alla data di acquisizione, le attività identificabili acquisite e le passività assunte sono rilevate al fair value alla data di acquisizione; costituiscono un’eccezione le imposte differite attive e passive, le attività e passività per benefici ai dipendenti, le passività o strumenti di capitale relativi a pagamenti basati su azioni dell’impresa acquisita o pagamenti basati su azioni relativi al gruppo emessi in sostituzione di contratti dell’impresa acquisita, e le attività (o gruppi di attività e passività) destinate alla vendita, che sono invece valutate secondo il loro principio di riferimento;

 

iii)             l’avviamento è determinato come l’eccedenza tra la somma dei corrispettivi trasferiti nell’aggregazione aziendale, del valore del patrimonio netto di pertinenza di interessenze di terzi e del fair value dell’eventuale partecipazione precedentemente detenuta nell’impresa acquisita rispetto al fair value delle attività nette acquisite e passività assunte alla data di acquisizione. Se il valore delle attività nette acquisite e passività assunte alla data di acquisizione eccede la somma dei corrispettivi trasferiti, del valore del patrimonio netto di pertinenza di interessenze di terzi e del fair value dell’eventuale partecipazione precedentemente detenuta nell’impresa acquisita, tale eccedenza è rilevata immediatamente nel conto economico come provento derivante dalla transazione conclusa;

 

iv)            eventuali corrispettivi sottoposti a condizione previsti dal contratto di aggregazione aziendale sono valutati al fair value alla data di acquisizione ed inclusi nel valore dei corrispettivi trasferiti nell’aggregazione aziendale ai fini della determinazione dell’avviamento.

Nel caso di aggregazioni aziendali avvenute per fasi, la partecipazione precedentemente detenuta nell’impresa acquisita è rivalutata al fair value alla data di acquisizione del controllo e l’eventuale utile o perdita che ne consegue è rilevata nel conto economico.

 

Se i valori iniziali di un’aggregazione aziendale sono incompleti alla data di chiusura del bilancio in cui l’aggregazione aziendale è avvenuta, il Gruppo riporta nel proprio bilancio consolidato i valori provvisori degli elementi per cui non può essere conclusa la rilevazione. Tali valori provvisori sono rettificati nel periodo di misurazione per tenere conto delle nuove informazioni ottenute su fatti e circostanze esistenti alla data di acquisizione che, se note, avrebbero avuto effetti sul valore delle attività e passività riconosciute a tale data.

L’avviamento non è ammortizzato, ma assoggettato a valutazione annuale volta a individuare eventuali perdite di valore (“impairment test”). L’eventuale riduzione di valore dell’avviamento viene rilevata nel caso in cui il valore recuperabile dell’avviamento risulti inferiore al suo valore di iscrizione in bilancio. Non è consentito il ripristino di valore dell’avviamento nel caso di una precedente svalutazione per perdite di valore.

Il test viene effettuato con cadenza almeno annuale, o comunque in caso di identificazione di indicatori di perdita di valore.

Attività materiali

Le attività materiali sono rilevate secondo il criterio del costo e iscritte al prezzo di acquisto o al costo di produzione comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione necessari a rendere le attività pronte all’uso.

Il valore d’iscrizione delle attività materiali è successivamente rettificato dall’ammortamento sistematico, calcolato a quote costanti dal momento in cui il cespite è disponibile e pronto all’uso, in funzione della vita utile, intesa come la stima del periodo in cui l’attività sarà utilizzata dall’impresa, e di qualsiasi perdita per riduzione di valore accumulata.

Quando l’attività oggetto di ammortamento è composta da elementi distintamente identificabili, la cui vita utile differisce significativamente da quella delle altre parti che compongono l’attività, l’ammortamento è effettuato separatamente per ciascuna di tali parti, in applicazione del metodo del “component approach”.

Gli eventuali oneri finanziari direttamente attribuibili all’acquisto e alla produzione di attività materiali sono capitalizzati e ammortizzati sulla base della vita utile del bene cui fanno riferimento.

Gli oneri sostenuti per le manutenzioni e le riparazioni sono direttamente imputati al conto economico dell’esercizio in cui sono sostenuti. I costi per migliorie, ammodernamento e trasformazione aventi natura incrementativa delle attività materiali sono imputati all’attivo patrimoniale, quando è probabile che incrementino i benefici economici futuri attesi dall’utilizzo o dalla vendita del bene.

 

 

Le aliquote di ammortamento annuali utilizzate sono le seguenti:

Categoria

Aliquota di ammortamento (%)

Fabbricati strumentali

 3%

Manutenzione su immobili di terzi

 16,67%(*)

Costruzioni leggere

 10%

Impianti

 9% - 10%

Macchine operative e impianti automatici

 15,5%

Attrezzature

 25%

Mobili e macchine ufficio

 12%

Macchine ufficio elettroniche

 20%

Mezzi trasporto interni

 20%

Autocarri

 20%

Autovetture

 25%

(*) Durata residua del contratto di locazione

La vita utile delle attività materiali e il valore residuo delle stesse sono rivisti annualmente e aggiornati, ove applicabile, alla chiusura di ogni esercizio.

Attività e passività per diritto d’uso e leasing

In accordo con l’IFRS 16, un contratto è, o contiene, un leasing se, in cambio di un corrispettivo, conferisce il diritto di controllare l’utilizzo di un’attività specificata per un periodo di tempo. Il contratto viene valutato nuovamente per verificare se è, o contiene, un leasing solo in caso di modifica dei termini e delle condizioni del contratto.

Per un contratto che è, o contiene, un leasing, ogni componente leasing è separata dalle componenti non leasing, a meno che il Gruppo applichi l’espediente pratico di cui al paragrafo 15 dell’IFRS 16. Tale espediente pratico permette al locatario di scegliere, per ogni classe di attività sottostante, di non separare le componenti non leasing dalle componenti leasing e di contabilizzare ogni componente leasing e le associate componenti non leasing come un'unica componente leasing.

 
La durata del leasing è determinata come il periodo non annullabile del leasing, a cui vanno aggiunti entrambi i seguenti periodi:

 

Nel valutare se il locatario ha la ragionevole certezza di esercitare l'opzione di proroga del leasing o di non esercitare l'opzione di risoluzione del leasing, sono considerati tutti i fatti e le circostanze pertinenti che creano un incentivo economico per il locatario a esercitare l'opzione di proroga del leasing o a non esercitare l'opzione di risoluzione del leasing. Il locatario deve rideterminare la durata del leasing in caso di cambiamento del periodo non annullabile del leasing.

Alla data di decorrenza del contratto il Gruppo rileva l’attività per diritto d’uso e la relativa passività del leasing.

 

Alla data di decorrenza del contratto l'attività per diritto d’uso è valutata al costo. Il costo dell'attività per diritto d’uso comprende:

a)      l'importo della valutazione iniziale della passività del leasing;

b)      i pagamenti dovuti per il leasing effettuati alla data o prima della data di decorrenza al netto degli incentivi al leasing ricevuti;

c)       i costi iniziali diretti sostenuti dal locatario; e

d)      la stima dei costi che il locatario dovrà sostenere per lo smantellamento e la rimozione dell'attività sottostante e per il ripristino del sito in cui è ubicata o per il ripristino dell'attività sottostante nelle condizioni previste dai termini e dalle condizioni del leasing, a meno che tali costi siano sostenuti per la produzione delle rimanenze. L'obbligazione relativa ai predetti costi sorge in capo al locatario alla data di decorrenza o in conseguenza dell'utilizzo dell'attività sottostante durante un determinato periodo.

 

Alla data di decorrenza del contratto il locatario deve valutare la passività del leasing al valore attuale dei pagamenti dovuti per il leasing non versati a tale data. I pagamenti dovuti per il leasing includono i seguenti importi:

a)      i pagamenti fissi, al netto di eventuali incentivi al leasing da ricevere;

b)      i pagamenti variabili dovuti per il leasing che dipendono da un indice o un tasso, valutati inizialmente utilizzando un indice o un tasso alla data di decorrenza;

c)       gli importi che si prevede il locatario dovrà pagare a titolo di garanzie del valore residuo;

d)      il prezzo di esercizio dell'opzione di acquisto, se il locatario ha la ragionevole certezza di esercitare l'opzione; e

e)      i pagamenti di penalità di risoluzione del leasing, se la durata del leasing tiene conto dell'esercizio da parte del locatario dell'opzione di risoluzione del leasing.

 

I pagamenti dovuti per il leasing devono essere attualizzati utilizzando il tasso di interesse implicito del leasing, se è possibile determinarlo facilmente. Se non è possibile, il locatario deve utilizzare il suo tasso di finanziamento marginale, ossia il tasso di interesse incrementale che la società dovrebbe pagare per ottenere un finanziamento della medesima durata e ammontare del contratto di locazione.

 

Successivamente alla rilevazione iniziale, l'attività per diritto d’uso è valutata al costo:

a)      al netto degli ammortamenti accumulati e delle riduzioni di valore accumulate; e

b)      rettificato per tener conto di eventuali rideterminazioni della passività del leasing.

Successivamente alla rilevazione iniziale, la passività del leasing è valutata:

a)      aumentando il valore contabile per tener conto degli interessi sulla passività del leasing;

b)      diminuendo il valore contabile per tener conto dei pagamenti dovuti per i leasing effettuati; e

c)       rideterminando il valore contabile per tener conto di eventuali nuove valutazioni o modifiche del leasing o della revisione dei pagamenti dovuti per i leasing fissi nella sostanza.

 

In caso di modifiche del leasing che non si configurano come un leasing separato, l’attività per diritto d’uso viene rideterminata (al rialzo oppure al ribasso), in coerenza con la variazione della passività del leasing alla data della modifica. La passività del leasing viene rideterminata in base alle nuove condizioni previste dal contratto di locazione, utilizzando il tasso di attualizzazione alla data della modifica.

 

Si precisa che il Gruppo si avvale dell’esenzione prevista dall’IFRS 16, con riferimento ai leasing di attività di modesto valore (ossia quando il valore dell’attività sottostante, se nuovo, è inferiore indicativamente a USD 5.000). In tali casi, non viene rilevata l’attività per diritto d’uso e la relativa passività del leasing, e i pagamenti dovuti per il leasing sono rilevati a conto economico.

Il Gruppo ha deciso di avvalersi dell’esenzione prevista dall’IFRS 16 in relazione ai leasing a breve termine (ossia ai contratti di leasing che hanno una durata pari o inferiore a dodici mesi a partire dalla data di decorrenza).

Riduzione di valore delle attività materiali e immateriali e delle attività per diritto d’uso

A ciascuna data di riferimento del bilancio, le attività materiali,immateriali con vita utile definita e le attività per diritto d’uso sono analizzate al fine di identificare l’esistenza di eventuali indicatori, rivenienti sia da fonti esterne che interne al Gruppo, di riduzione di valore delle stesse. Nelle circostanze in cui sia identificata la presenza di tali indicatori, si procede alla stima del valore recuperabile delle suddette attività, imputando l’eventuale svalutazione a conto economico.  Il valore recuperabile di un’attività è il maggiore tra il suo fair value (valore equo) ridotto dei costi di vendita e il suo valore d’uso, laddove quest’ultimo è il valore attuale dei flussi finanziari futuri stimati per tale attività. Nel determinare il valore d'uso, i flussi finanziari futuri attesi sono attualizzati utilizzando un tasso di sconto che riflette la valutazione corrente di mercato del costo del denaro rapportato al periodo dell’investimento e ai rischi specifici dell'attività.

Per un'attività che non genera flussi finanziari ampiamente indipendenti, il valore di realizzo è determinato in relazione alla cash generating unit cui tale attività appartiene. Una riduzione di valore è riconosciuta nel conto economico qualora il valore di iscrizione dell’attività, ovvero della relativa cash generating unit a cui essa è allocata, è superiore al valore recuperabile. Qualora vengano meno i presupposti per una svalutazione precedentemente effettuata, il valore contabile dell’attività viene ripristinato con imputazione a conto economico, nei limiti del valore netto di carico che l’attivo in oggetto avrebbe avuto se non fosse stata effettuata la svalutazione e fossero stati effettuati gli ammortamenti.

Partecipazioni in società collegate e joint venture

Per le partecipazioni in società detenute con il controllo congiunto (joint venture) e quelle in società collegate, si veda quanto esposto nelle precedenti note 3.3 “Società collegate” e 3.4 “Joint venture”.

Altre partecipazioni

Le partecipazioni in altre società sono classificate tra i titoli disponibili per la vendita e sono valutate al fair value (valore equo) imputando le variazioni dello stesso direttamente tra le riserve di patrimonio netto, ad eccezione delle perdite ritenute durevoli di valore (impairment) che vengono imputate a conto economico.

Qualora il fair value (valore equo) non possa essere misurato attendibilmente, in quanto tali partecipazioni non risultano quotate o trattate in mercati attivi, le stesse sono valutate al costo diminuito per perdite di valore; le perdite di valore non sono oggetto di ripristino.

Altri crediti ed altre attività non correnti

I crediti e le altre attività finanziarie non correnti sono valutate, al momento della prima iscrizione, al fair value (valore equo). Il valore di iscrizione iniziale è successivamente rettificato per tener conto dei rimborsi in quota capitale, delle eventuali svalutazioni e dell’ammortamento della differenza tra il valore di rimborso e il valore di iscrizione iniziale. L’ammortamento è effettuato sulla base del tasso di interesse effettivo rappresentato dal tasso che allinea, al momento della rilevazione iniziale, il valore attuale dei flussi di cassa attesi e il valore di iscrizione iniziale (cd. metodo del costo ammortizzato). Qualora vi sia un’obiettiva evidenza di indicatori di riduzione di valore, l’attività viene ridotta in misura tale da risultare pari al valore scontato dei flussi ottenibili in futuro. Le perdite di valore sono rilevate a conto economico nella voce “Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni”. Se nei periodi successivi vengono meno le motivazioni delle precedenti svalutazioni, il valore delle attività viene ripristinato fino a concorrenza del valore che sarebbe derivato dall’applicazione del costo ammortizzato qualora non fosse stata effettuata la svalutazione.

Strumenti finanziari derivati

Gli strumenti finanziari derivati sono contabilizzati in accordo alle disposizioni dell’IFRS 9.

Alla data di stipula del contratto gli strumenti finanziari derivati sono inizialmente contabilizzati al fair value, come attività finanziarie valutate al fair value con impatto a conto economico quando il fair value è positivo oppure come passività finanziarie valutate al fair value con impatto a conto economico quando il fair value è negativo.

Se gli strumenti finanziari non sono contabilizzati quali strumenti di copertura, le variazioni del fair value rilevate successivamente alla prima iscrizione sono trattate quali componenti del risultato dell’esercizio. Se, invece, gli strumenti derivati soddisfano i requisiti per essere classificati come strumenti di copertura, le successive variazioni del fair value sono contabilizzate seguendo specifici criteri, di seguito illustrati.

Uno strumento finanziario derivato è classificato come di copertura se viene documentata in modo formale la relazione fra lo strumento di copertura e l’elemento coperto, includendo gli obiettivi di gestione del rischio, la strategia per effettuare la copertura e i metodi che saranno utilizzati per verificarne l’efficacia prospettica e retrospettiva. L’efficacia di ciascuna copertura è verificata sia al momento di accensione di ciascuno strumento derivato sia durante la sua vita, e in particolare ad ogni chiusura di bilancio o di situazione infrannuale. Generalmente, una copertura è considerata altamente “efficace” se, sia all’inizio sia durante la sua vita, i cambiamenti del fair value, nel caso di fair value hedge, o dei flussi di cassa attesi nel futuro, nel caso di cash flow hedge, dell’elemento coperto sono sostanzialmente compensati dai cambiamenti del fair value dello strumento di copertura.

Il principio contabile IFRS 9 prevede la possibilità di designare le seguenti tre relazioni di copertura:

- copertura di fair value (fair value hedge): quando la copertura riguarda le variazioni di fair value di attività e passività iscritte in bilancio, sia le variazioni del fair value dello strumento di copertura sia le variazioni dell’oggetto della copertura sono imputate al conto economico.

- copertura di flussi finanziari (cash flow hedge): nel caso di coperture finalizzate a neutralizzare il rischio di variazioni nei flussi di cassa originati dall’esecuzione futura di obbligazioni contrattualmente definite alla data di riferimento del bilancio, le variazioni del fair value dello strumento derivato registrate successivamente alla prima rilevazione sono contabilizzate, limitatamente alla sola quota efficace, nel conto economico complessivo e quindi in una riserva di patrimonio netto denominata “Riserva per operazioni di copertura dei flussi finanziari”. Quando si manifestano gli effetti economici originati dall’oggetto di copertura, la quota contabilizzata nel conto economico complessivo è riversata nel conto economico. Qualora la copertura non sia perfettamente efficace, la variazione di fair value dello strumento di copertura riferibile alla porzione inefficace dello stesso è immediatamente rilevata nel conto economico.

- copertura di un investimento netto in una gestione estera (net investment hedge).

Se le verifiche non confermano l’efficacia della copertura, da quel momento la contabilizzazione delle operazioni di copertura viene interrotta e il contratto derivato di copertura viene riclassificato tra le attività finanziarie valutate al fair value con impatto a conto economico oppure tra le passività finanziarie valutate al fair value con impatto a conto economico.

La relazione di copertura, inoltre, cessa quando:

- il derivato scade, viene venduto, rescisso o esercitato;

- l’elemento coperto è venduto, scade o è rimborsato;

- non è più altamente probabile che l’operazione futura coperta venga posta in essere.

 

 

5.2 Attività correnti

Rimanenze

Alla voce rimanenze sono classificate le materie prime e i materiali utilizzati nel processo di produzione, i prodotti semilavorati, i ricambi e i prodotti finiti. Le rimanenze sono valutate al minor valore tra il costo di acquisto o di fabricazione, comprensivo degli oneri accessori, determinato secondo il metodo del costo medio ponderato, e il valore di presunto realizzo desumibile dall’andamento del mercato.

Crediti commerciali

I crediti commerciali sono valutati, al momento della prima iscrizione, al fair value (valore equo). Successivamente i crediti sono valutati con il metodo del costo ammortizzato sulla base del tasso di interesse effettivo rappresentato dal tasso che rende uguali, al momento della rilevazione iniziale, il valore attuale dei flussi di cassa attesi e il valore di iscrizione. Il valore così determinato viene ridotto, laddove ricorrano perdite di valore, al valore realizzabile.

I crediti commerciali sono soggetti a una verifica per riduzione di valore (cd impairment) sulla base del modello ECL (Expected Credit Loss) previsto dall’IFRS 9.

Il fondo svalutazione crediti accoglie le svalutazioni effettuate per tener conto dell’obiettiva evidenza di indicatori di riduzione di valore dei crediti commerciali. L’importo della svalutazione, che viene calcolato sulla base delle informazioni più recenti disponibili e sulla miglior stima degli amministratori, viene misurato come la differenza tra il valore contabile dell’attività e il valore attuale dei futuri flussi finanziari attesi, in considerazione anche di quanto previsto dal modello ECL (Expected Credit Loss).

Il fondo svalutazione crediti è classificato in riduzione della voce “Crediti commerciali”.

Gli accantonamenti effettuati al fondo svalutazione crediti sono classificati nel conto economico nella voce “Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni”.

Altri crediti ed altre attività correnti

Gli altri crediti e le altre attività finanziarie correnti sono valutate, al momento della prima iscrizione, al fair value (valore equo). Successivamente tali crediti sono valutati con il metodo del costo ammortizzato sulla base del tasso di interesse interno effettivo rappresentato dal tasso che rende uguali, al momento della rilevazione iniziale, il valore attuale dei flussi di cassa attesi e il valore di iscrizione. Il valore così determinato viene ridotto, laddove ricorrano perdite di valore, al valore realizzabile.

Qualora vi sia una obiettiva evidenza di indicatori di riduzioni di valore, l’attività viene ridotta in misura tale da risultare pari al valore scontato dei flussi ottenibili in futuro. Le perdite di valore sono rilevate a conto economico. Se nei periodi successivi vengono meno le motivazioni delle precedenti svalutazioni, il valore delle attività viene ripristinato fino a concorrenza del valore che sarebbe derivato dall’applicazione del costo ammortizzato qualora non fosse stata effettuata la svalutazione.

Attività Finanziarie

Al momento della loro iniziale rilevazione, le attività finanziarie devono essere classificate in una delle tre categorie sotto indicate sulla base dei seguenti elementi:

 il modello di business dell'entità per la gestione delle attività finanziarie; e

 le caratteristiche relative ai flussi finanziari contrattuali dell'attività finanziaria.

 

Le attività finanziarie vengono successivamente cancellate dal bilancio solamente se la cessione ha comportato il sostanziale trasferimento di tutti i rischi e benefici connessi alle attività stesse. Per contro, qualora sia stata mantenuta una quota parte rilevante dei rischi e benefici relativi alle attività finanziarie cedute, queste continuano ad essere iscritte in bilancio, ancorché giuridicamente la titolarità delle attività stesse sia stata effettivamente trasferita.

a) Attività finanziarie valutate al costo ammortizzato

Sono incluse nella presente categoria le attività finanziarie che soddisfano entrambe le seguenti condizioni:

 l’attività finanziaria è posseduta secondo un modello di business il cui obiettivo è conseguito mediante l’incasso dei flussi finanziari previsti contrattualmente (Business model “Hold to Collect); e

 i termini contrattuali dell’attività finanziaria prevedono, a determinate date, flussi finanziari rappresentati unicamente da pagamenti del capitale e dell’interesse sull’importo del capitale da restituire (cd. “SPPI test” superato).

All’atto della rilevazione iniziale tali attività sono contabilizzate al fair value, comprensivo dei costi o proventi di transazione direttamente attribuibili allo strumento stesso. Successivamente alla rilevazione iniziale, le attività finanziarie in esame sono valutate al costo ammortizzato, utilizzando il metodo del tasso di interesse effettivo. Il metodo del costo ammortizzato non viene utilizzato per le attività – valorizzate al costo storico – la cui breve durata fa ritenere trascurabile l’effetto dell’applicazione della logica dell’attualizzazione, per quelle senza una scadenza definita e per i crediti a revoca.

b) Attività finanziarie valutate al fair value con impatto sulla redditività complessiva (FVOCI)

Sono incluse nella presente categoria le attività finanziarie che soddisfano entrambe le seguenti condizioni:

 l’attività finanziaria è posseduta secondo un modello di business il cui obiettivo è conseguito sia mediante l’incasso dei flussi finanziari previsti contrattualmente sia mediante la vendita dell’attività finanziaria (Business model “Hold to Collect and Sell”); e

 i termini contrattuali dell’attività finanziaria prevedono, a determinate date, flussi finanziari rappresentati unicamente da pagamenti del capitale e dell’interesse sull’importo del capitale da restituire (cd. “SPPI test” superato).

All’atto della rilevazione iniziale le attività sono contabilizzate al fair value, comprensivo dei costi o proventi di transazione direttamente attribuibili allo strumento stesso. Successivamente alla rilevazione iniziale, tutte le variazioni di fair value devono essere rilevate nel Prospetto della reddività complessiva, fatta eccezione per la rilevazione degli utili o perdite di valore e degli utili e delle perdite su cambi, fino a quanto l’attività finanziaria è eliminata contabilimente o riclassificata.

c) Attività finanziarie valutate al fair value con impatto a conto economico

Sono classificate in questa categoria le attività finanziarie diverse da quelle classificate tra le “Attività finanziarie valutate al costo ammortizzato” e tra le “Attività finanziarie valutate al fair value con impatto sulla redditività complessiva”.

Sono incluse nella presente categoria le attività finanziarie detenute per la negoziazione e i contratti derivati non classificabili come di copertura (che sono rappresentati come attività se il fair value è positivo e come passività se il fair value è negativo),

All’atto della rilevazione iniziale le attività finanziarie valutate al fair value con impatto a conto economico vengono rilevate al fair value, senza considerare i costi o proventi di transazione direttamente attribuibili allo strumento stesso. Alle date di riferimento successive sono valorizzate al fair value e gli effetti di valutazione sono imputati nel conto economico.

Eliminazione di attività e passività finanziarie dall’attivo e dal passivo dello stato patrimoniale

Le attività finanziarie sono eliminate contabilmente quando sia soddisfatta una delle seguenti condizioni:

         il diritto contrattuale a ricevere i flussi di cassa dall’attività è scaduto;

         il Gruppo ha sostanzialmente trasferito tutti i rischi e benefici connessi all’attività, cedendo i suoi diritti a ricevere flussi di cassa dall’attività oppure assumendo un’obbligazione contrattuale a riversare i flussi di cassa ricevuti a uno o più eventuali beneficiari in virtù di un contratto che rispetta i requisiti previsti dallo IAS 39 (c.d. “pass through test”);

         il Gruppo non ha né trasferito né mantenuto sostanzialmente tutti i rischi e benefici connessi all’attività finanziaria ma ne ha ceduto il controllo.

Le passività finanziarie sono rimosse dal bilancio al momento della loro estinzione e quando il Gruppo ha trasferito tutti i rischi e gli oneri relativi allo strumento stesso.

Disponibilità liquide e mezzi equivalenti

Le disponibilità liquide e mezzi equivalenti includono la cassa, i depositi a vista con le banche, altri investimenti a breve termine altamente liquidabili (trasformabili in disponibilità liquide entro novanta giorni) e sottoposte a un irrilevante rischio di variazione di valore. Le stesse sono valutate al fair value (valore equo) e le relative variazioni sono rilevate a conto economico. Lo scoperto di conto corrente bancario viene evidenziato tra le “Passività finanziarie correnti”.

Ai fini della rappresentazione dei flussi di cassa, in sede di compilazione del rendiconto finanziario, i debiti bancari a breve termine sono rappresentati tra i flussi di cassa delle attività di finanziamento, essendo gli stessi riconducibili principalmente ad anticipazioni bancarie e a prestiti bancari a breve termine.

Attività destinate alla vendita

La voce attività destinate alla vendita include le attività non correnti (o gruppi di attività in dismissione) il cui valore contabile sarà recuperato principalmente attraverso la vendita piuttosto che attraverso l’utilizzo continuativo.

Questa condizione è rispettata solamente quando la vendita è altamente probabile, l’attività (o il gruppo di attività) è disponibile per un’immediata vendita nelle sue condizioni attuali e sia stato preso un impegno per la vendita, che dovrebbe avvenire entro dodici mesi dalla data di classificazione in questa voce.

Le attività destinate alla vendita sono valutate al minore tra il loro valore netto contabile ed il fair value al netto dei costi di vendita.

 

5.3 Patrimonio Netto

(i) Capitale sociale

Il capitale sociale è rappresentato dal capitale sottoscritto e versato della Società. I costi strettamente correlati alla emissione di nuove azioni sono classificati a riduzione del capitale sociale, al netto dell’eventuale effetto fiscale differito.

(ii) Riserva legale e altre riserve

La riserva legale deriva dalla destinazione di parte del risultato di esercizio della Società (il 5% ogni anno fintanto che la stessa non abbia raggiunto il 20% del capitale sociale) ed è utilizzabile esclusivamente per copertura perdite. Le altre riserve includono le riserve di utili e di capitale a destinazione specifica, i risultati economici di esercizi precedenti per la parte non distribuita né accantonata a riserva, nonché la riserva generatosi in sede di prima applicazione degli IFRS.

 

5.4 Passività non correnti e correnti

Benefici per i dipendenti

I benefici a breve termine sono rappresentati da salari, stipendi, relativi oneri sociali, indennità sostitutive di ferie e incentivi corrisposti sotto forma di bonus pagabile nei dodici mesi dalla data del bilancio. Tali benefici sono contabilizzati quali componenti del costo del personale nel periodo in cui è prestata l’attività lavorativa.

I benefici successivi alla cessazione del rapporto di lavoro si suddividono in due fattispecie: programmi con contribuzione definita e programmi con benefici definiti.

Nei programmi con contribuzione definita gli oneri contributivi sono imputati al conto economico quando essi sono sostenuti, in base al relativo valore nominale.

Nei programmi con benefici definiti, tra i quali rientra anche il trattamento di fine rapporto dovuto ai dipendenti ai sensi dell’articolo 2120 del Codice Civile (“TFR”), l’ammontare del beneficio da erogare al dipendente è quantificabile soltanto dopo la cessazione del rapporto di lavoro, ed è legato a uno o più fattori quali l’età, gli anni di servizio e la retribuzione; pertanto, il relativo onere è imputato al conto economico complessivo di competenza in base a calcolo attuariale. La passività iscritta nel bilancio per i piani a benefici definiti corrisponde al valore attuale dell’obbligazione alla data di bilancio. Gli obblighi per i piani a benefici definiti sono determinati annualmente da un attuario indipendente utilizzando il projected unit credit method. Il valore attuale del piano a benefici definiti è determinato scontando i futuri flussi di cassa ad un tasso di attualizzazione parametrato all’indice iBoxx Eurozone Corporates AA 10+ a ciascuna data di valutazione.

A partire dal 1° gennaio 2007 la cd. legge finanziaria 2007 e i relativi decreti attuativi hanno introdotto modificazioni rilevanti alla disciplina del TFR, tra cui la scelta del lavoratore in merito alla destinazione del proprio TFR maturando. In particolare, i nuovi flussi del TFR potranno essere indirizzati dal lavoratore a forme pensionistiche prescelte oppure mantenuti in azienda. Nel caso di destinazione a forme pensionistiche esterne la società è soggetta solamente al versamento di un contributo definito al fondo prescelto e a partire da tale data le quote di nuova maturazione hanno natura di piani a contribuzione definita non assoggettati a valutazione attuariale.

A seguito dell’adozione, a partire dal primo gennaio 2013, della versione rivista del principio IAS 19 (Benefici per i dipendenti), la rilevazione delle variazioni degli utili/perdite attuariali è iscritta fra le altre componenti del conto economico complessivo consolidato.

Fondi per rischi e oneri

Gli accantonamenti ai fondi sono rilevati quando: (i) è probabile l’esistenza di un’obbligazione attuale, legale o implicita, derivante da un evento passato; (ii) è probabile che l’adempimento dell’obbligazione sia oneroso; (iii) l’ammontare dell’obbligazione può essere stimato attendibilmente. Gli accantonamenti sono iscritti al valore rappresentativo della migliore stima dell’ammontare che l’impresa razionalmente pagherebbe per estinguere l’obbligazione ovvero per trasferirla a terzi. Quando l’effetto finanziario del tempo è significativo e le date di pagamento delle obbligazioni sono attendibilmente stimabili, l’accantonamento è oggetto di attualizzazione. Il tasso utilizzato nella determinazione del valore attuale della passività riflette i valori correnti di mercato e include gli effetti ulteriori relativi al rischio specifico associabile a ciascuna passività. L’incremento del fondo connesso al trascorrere del tempo è imputato a conto economico alla voce “Oneri finanziari netti”.

I fondi sono periodicamente aggiornati per riflettere le variazioni delle stime dei costi, dei tempi di realizzazione e del tasso di attualizzazione; le revisioni di stima dei fondi sono imputate nella medesima voce di conto economico che ha precedentemente accolto l’accantonamento ovvero, quando la passività è relativa ad attività, in contropartita all’attività a cui si riferisce.

Passività per imposte differite

Si veda quanto riportato alla successiva nota 5.8 “Altri principi contabili e criteri di valutazione significativi - Imposte”.

Passività finanziarie

Le passività finanziarie includono i debiti finanziari, nonché altre passività finanziarie, ivi inclusi gli strumenti finanziari derivati e le passività a fronte delle attività iscritte nell’ambito dei contratti di locazione finanziaria.

Le passività finanziarie sono classificate nelle seguenti due categorie ai sensi dell’IFRS 9: 1) passività finanziarie valutate al costo ammortizzato utilizzando il metodo del tasso d’interesse effettivo; 2) passività finanziarie valutate al fair value con variazioni di fair value contabilizzate nel conto economico, a loro volta classificate nelle due sottocategorie Held for Trading e FVPL at inception.

Le passività finanziarie del gruppo rientrano nella prima categoria.

Debiti commerciali e altre passività, debiti per imposte sul reddito

I debiti commerciali e altri debiti e le altre passività a breve e a lungo termine sono valutati, al momento della prima iscrizione, al fair value (valore equo). Il valore di iscrizione iniziale è successivamente rettificato per tener conto dei rimborsi in quota capitale e dell’ammortamento della differenza tra il valore di rimborso e il valore di iscrizione iniziale. L’ammortamento è effettuato sulla base del tasso di interesse interno effettivo rappresentato dal tasso che allinea, al momento della rilevazione iniziale, il valore attuale dei flussi di cassa connessi alla passività e il valore di iscrizione iniziale (cd. metodo del costo ammortizzato).

Qualora vi sia un cambiamento dei flussi di cassa e vi sia la possibilità di stimarli attendibilmente, il valore dei debiti viene ricalcolato per riflettere tale cambiamento sulla base del valore attuale dei nuovi flussi di cassa e del tasso interno di rendimento inizialmente determinato.

La voce “Debiti per imposte sul reddito” include tutte quelle passività nei confronti dell’Amministrazione Finanziaria esigibili o compensabili finanziariamente a breve termine connesse alle imposte dirette. Le stesse passività, ma correlate alle imposte indirette, risultano classificate nella voce “Altre passività correnti”.

5.5 Ricavi e costi

Riconoscimento dei ricavi

I ricavi sono riconosciuti in base al compenso che ci si attende di ricevere a fronte dei beni e servizi forniti, sulla base di cinque step: 1) identificazione del contratto definito come un accordo avente sostanza commerciale tra due o più parti in grado di generare diritti ed obbligazioni; 2) individuazione delle singole obbligazioni contenute nel contratto; 3) determinazione del prezzo delle transazioni, ossia il corrispettivo atteso per il trasferimento al cliente dei beni e servizi; 4) allocazione del prezzo della transazione a ciascuna singola obbligazione, sulla base dei prezzi di vendita della singola obbligazione stessa; 5) riconoscimento dei ricavi allocati alla singola obbligazione quando la stessa viene regolata, ossia quando il cliente ottiene il controllo dei beni e dei servizi.

Il controllo dei beni da parte del cliente normalmente si identifica con la consegna o la spedizione dei beni.         I ricavi per la prestazione dei servizi sono riconosciuti nel periodo contabile nel quale i servizi sono resi, con riferimento al completamento del servizio fornito e in rapporto al totale dei servizi ancora da rendere.

Riconoscimento dei costi

I costi relativi all’acquisto di beni sono riconosciuti quando sono trasferiti i rischi e benefici dei beni oggetto di compravendita; i costi per servizi ricevuti sono riconosciuti proporzionalmente quando il servizio è reso.

Oneri finanziari

Gli oneri finanziari sono riconosciuti in base al criterio dell’interesse effettivo, come precisato dal paragrafo 9 dello IAS 39, a conto economico nel corso dell’esercizio nel quale sono maturati.

 

5.6 Risultato per azione

La Società determina il risultato per azione in base allo IAS 33 - Utile per azione.

(a) Risultato per azione – base

Il risultato per azione – base è calcolato dividendo il risultato di pertinenza dei soci della Capogruppo per la media ponderata delle azioni ordinarie in circolazione durante l’esercizio, escludendo le azioni proprie.

(b) Risultato per azione – diluito

Il risultato diluito per azione è calcolato dividendo il risultato di pertinenza dei soci della Capogruppo per la media ponderata delle azioni ordinarie in circolazione durante l’esercizio, escludendo le azioni proprie. Ai fini del calcolo dell’utile diluito per azione, la media ponderata delle azioni in circolazione è modificata assumendo l’esercizio da parte di tutti gli assegnatari di diritti che potenzialmente hanno effetto diluitivo, mentre il risultato di pertinenza dei soci della Capogruppo è rettificato per tener conto di eventuali effetti, al netto delle imposte, dell’esercizio di detti diritti.

 

5.7 Altri principi contabili e criteri di valutazione significativi

Traduzione di voci espresse in valuta diversa dall’Euro

Il bilancio è presentato in Euro, che è la valuta funzionale della Società e delle società del Gruppo. Le transazioni in valuta estera vengono tradotte in Euro utilizzando i tassi di cambio in vigore alla data della transazione. Gli utili e perdite su cambi risultanti dalla chiusura delle transazioni in oggetto e dalla traduzione ai cambi di fine esercizio delle poste attive e passive monetarie denominate in valuta vengono contabilizzate a conto economico. Si precisa che gli utili e le perdite su cambi realizzati con riferimento a transazioni commerciali sono classificati rispettivamente all’interno delle voci “Altri ricavi e proventi” e “Altri costi operativi”.

Le attività e passività non monetarie in moneta estera valutate al costo sono iscritte al cambio di rilevazione iniziale; quando la valutazione è effettuata al fair value (valore equo) ovvero al valore recuperabile o di realizzo è adottato il cambio corrente alla data di determinazione del valore.

 

Contributi pubblici

I contributi in conto esercizio sono rilevati integralmente a Conto economico nel momento in cui sono soddisfatte le condizioni di iscrivibilità.

Il trattamento contabile dei benefici derivanti da un finanziamento ottenuto da organismi pubblici ad un tasso agevolato è assimilato a quello dei contributi pubblici. Tale beneficio è determinato all’inizio del finanziamento come differenza tra il valore contabile iniziale del finanziamento (fair value più i costi direttamente attribuibili all’ottenimento del finanziamento) e quanto incassato ed è rilevato successivamente a Conto economico in accordo con le regole previste per la rilevazione dei contributi pubblici.

Imposte

Le imposte sul reddito correnti sono calcolate, per ciascuna società appartenente al Gruppo, sulla base della stima del reddito imponibile. Il debito previsto è rilevato alla voce “Debiti per imposte sul reddito”. I debiti e i crediti tributari per imposte correnti sono rilevati al valore che si prevede di pagare/recuperare alle/dalle autorità fiscali applicando le aliquote e la normativa fiscale vigenti o sostanzialmente approvate alla data di chiusura del periodo e riferibili al periodo stesso. I crediti e i debiti per imposte correnti sono compensati se e solo se i) l’entità ha un diritto esecutivo a compensare gli ammontari rilevati; e ii) l’entità intende estinguere il residuo netto oppure realizzare l’attività e contemporaneamente estinguere la passività.

Le imposte sul reddito differite e anticipate sono calcolate in base al “metodo patrimoniale (liability method)” sulle differenze temporanee tra i valori delle attività e delle passività iscritte in bilancio e i corrispondenti valori riconosciuti ai fini fiscali. L’iscrizione di attività per imposte anticipate è effettuata quando il loro recupero è probabile.

Le imposte differite e anticipate non sono iscritte se connesse all’iscrizione iniziale di un’attività o una passività in una operazione diversa da una aggregazione aziendale e che non ha impatto sul risultato e sull’imponibile fiscale.

Le attività per imposte anticipate e le passività per imposte differite sono classificate tra le attività e le passività non correnti e sono compensate a livello di singola entità legale se riferite a imposte compensabili. Il saldo della compensazione, se attivo, è iscritto alla voce “Attività per imposte anticipate”, qualora passivo, alla voce “Passività per imposte differite”. Le attività per imposte anticipate e le passività per imposte differite sono compensate se e solo se i) l’entità ha un diritto legalmente esercitabile di compensare le attività fiscali correnti con le passività fiscali correnti; e ii) le attività e le passività fiscali differite sono relative a imposte sul reddito applicate dalla medesima giurisdizione fiscale.

Le imposte differite sono calcolate a fronte di tutte le differenze temporanee che emergono tra la base imponibile di una attività o passività e il relativo valore contabile, ad eccezione dell’avviamento e di quelle relative a differenze temporanee rivenienti dalle riserve non distribuite iscritte nel patrimonio netto in società controllate, quando le tempistiche del rigiro di tali differenze temporanee sono sotto il controllo da parte del Gruppo ed è probabile che tali differenze non si riverseranno in un prevedibile lasso di tempo. Le imposte anticipate, incluse quelle relative alle perdite fiscali pregresse, per la quota non compensata dalle imposte differite passive, sono riconosciute nella misura in cui è probabile che sia disponibile un reddito imponibile futuro a fronte del quale possano essere recuperate.

Le imposte differite sono determinate utilizzando le aliquote fiscali che si prevede saranno applicabili negli esercizi nei quali le differenze temporanee saranno realizzate o estinte e che risultano sostanzialmente approvate alla data di chiusura del periodo di riferimento.

Le imposte correnti e differite sono rilevate nel conto economico, ad eccezione di quelle relative a voci direttamente addebitate o accreditate a patrimonio netto, nei cui casi l’effetto fiscale è riconosciuto direttamente a patrimonio netto.

Le altre imposte, diverse dalle imposte sul reddito, sono incluse nel conto economico alla voce “Altri costi operativi”.

 

Dividendi percepiti

I dividendi sono rilevati alla data di assunzione della delibera da parte dell’Assemblea della società partecipata.

Distribuzione dividendi

La distribuzione di dividendi agli azionisti della Società determina l’iscrizione di un debito nel bilancio del periodo nel quale la distribuzione è stata approvata dagli azionisti della Società.

 

5.8 Parti correlate

Per parti correlate si intendono quelle che condividono con INDEL B SPA il medesimo soggetto controllante, le società che direttamente o indirettamente controllano, sono controllate, oppure sono soggette a controllo congiunto dalla Capogruppo e quelle nelle quali la medesima detiene una partecipazione tale da poter esercitare un’influenza notevole. Nella definizione di parti correlate rientrano, inoltre, i dirigenti con responsabilità strategiche e i loro stretti familiari di INDEL B SPA e di società da questa controllate. I dirigenti con responsabilità strategiche sono coloro che hanno il potere e la responsabilità, diretta o indiretta, della pianificazione, della direzione, del controllo delle attività della Società e comprendono i relativi amministratori.

 

5.9 Uso di stime

La predisposizione delle situazioni contabili richiede da parte degli amministratori l’applicazione di principi e metodologie contabili che, in talune circostanze, si basano su difficili e soggettive valutazioni e stime basate sull’esperienza storica e assunzioni che vengono di volta in volta considerate ragionevoli e realistiche in funzione delle relative circostanze. L’applicazione di tali stime e assunzioni influenza gli importi riportati negli schemi della situazione contabile, quali lo stato patrimoniale, il conto economico e il rendiconto finanziario, nonché l’informativa fornita. I risultati effettivi delle poste della situazione contabile per le quali sono state utilizzate le suddette stime e assunzioni, possono differire da quelli riportati nelle situazioni contabili a causa dell’incertezza che caratterizza le assunzioni e le condizioni sulla quali si basano le stime.

Di seguito sono brevemente descritti i principi contabili più significativi che richiedono più di altri una maggiore soggettività da parte degli amministratori nell’elaborazione delle stime e per i quali un cambiamento nelle condizioni sottostanti le assunzioni utilizzate potrebbe avere un impatto significativo sui dati finanziari aggregati riesposti.

(i)                  Avviamento: l’analisi della recuperabilità del valore contabile dell’avviamento è svolta almeno una volta all’anno; inoltre, il Gruppo rivede il valore contabile dell’avviamento quando fatti e circostanze richiedono tale revisione. Le stime e le assunzioni riflettono lo stato delle conoscenze del Gruppo circa gli sviluppi dei business e tengono conto di previsioni sui futuri sviluppi dei mercati. Per quanto attiene l’avviamento iscritto in bilancio derivante dall’acquisizione del gruppo Autoclima e della società Indel B North America la Società ha effettuato il test di impairment alla data del presente bilancio. Le assunzioni utilizzate per la predisposizione del test di impairment potrebbero non verificarsi nei tempi e nelle modalità previste. Pertanto i risultati di tale test potrebbero portare ad una differente valutazione circa l’effettiva recuperabilità del valore contabile dell’avviamento.

Si evidenzia, inoltre, che le stime e le assunzioni riflettono lo stato delle conoscenze del Gruppo circa gli sviluppi dei business e tengono conto di previsioni sui futuri sviluppi dei mercati che rimangono soggette ad un elevato grado di incertezza a causa del perdurare delle attuali difficoltà economiche in molti paesi. A fronte di ciò gli amministratori hanno redatto i piani previsionali in ottica prudenziale.

 

(ii)                 Partecipazioni in società collegate: la Società effettua annualmente un’analisi circa l’eventuale presenza di indicatori di impairment relativamente alle partecipazioni detenute in società collegate e quindi consolidate con il metodo del patrimonio netto. Laddove si rilevi la presenza di indicatori di impairment, viene valutata la recuperabilità dei valori iscritti in bilancio tramite impairment test.

(iii)               Ammortamento delle attività materiali e immateriali: il costo delle attività materiali e immateriali è ammortizzato in quote costanti lungo la vita utile stimata di ciascun bene. La vita utile economica delle attività materiali e immateriali è determinata nel momento in cui esse vengono acquistate ed è basata sull’esperienza storica per analoghe attività, condizioni di mercato e anticipazioni riguardanti eventi futuri che potrebbero avere un impatto, tra i quali variazioni nella tecnologia. L’effettiva vita economica, pertanto, può differire dalla vita utile stimata. Il Gruppo valuta annualmente i cambiamenti tecnologici e di settore, le eventuali variazioni delle condizioni contrattuali e della normativa vigente connesse all’utilizzo delle attività materiali e immateriali e il valore di recupero per aggiornare la vita utile residua. Il risultato di tali analisi può modificare il periodo di ammortamento e quindi anche la quota di ammortamento a carico dell’esercizio e di quelli futuri.

(iv)               Accantonamenti per costi di garanzia prodotti: il calcolo relativo agli accantonamenti per costi connessi ai servizi di garanzia è influenzato dalle stime effettuate dal management che risultano essere basate su dati storici. In determinate circostanze particolari, tali stime potrebbero pertanto non riflettere eventi prospettici che si discostassero in modo significativo da quanto avvenuto in passato.

(v)                Valutazione dei crediti: i crediti verso clienti risultano rettificati del relativo fondo di svalutazione per tener conto del loro effettivo valore recuperabile. La determinazione dell’ammontare delle svalutazioni effettuate richiede da parte degli amministratori l’esercizio di valutazioni soggettive basate sulla documentazione e sulle informazioni disponibili in merito anche alla solvibilità del cliente, nonché sull’esperienza e sui trend storici.

(vi)               Fondi rischi: l’identificazione della sussistenza o meno di un’obbligazione corrente (legale o implicita) è in alcune circostanze di non facile determinazione. Gli amministratori valutano tali fenomeni di caso in caso, congiuntamente alla stima dell’ammontare delle risorse economiche richieste per l’adempimento dell’obbligazione. Quando gli amministratori ritengono che il manifestarsi di una passività sia soltanto possibile, i rischi vengono indicati nell’apposita sezione informativa su impegni e rischi, senza dar luogo ad alcun stanziamento.

(vii)             Recupero imposte anticipate: le attività per imposte anticipate sono iscritte con riferimento a componenti di reddito a deducibilità tributaria differita, per un importo il cui recupero negli esercizi futuri è ritenuto dagli Amministratori altamente probabile. Qualora in futuro si dovesse rilevare che il Gruppo non sia in grado di recuperare in tutto o in parte le imposte anticipate riconosciute in bilancio, la relativa rettifica verrà imputata al Conto economico.

(viii)           Valutazione degli strumenti finanziari derivati: la determinazione del fair value di attività finanziarie non quotate, quali gli strumenti finanziari derivati, avviene attraverso tecniche finanziarie di valutazione comunemente utilizzate che richiedono assunzioni e stime di base. Tali assunzioni potrebbero non verificarsi nei tempi e nelle modalità previsti. Pertanto le stime di tali strumenti derivati potrebbero divergere dai dati a consuntivo.

 

 

  1. TIPOLOGIA E PROCEDURE DI GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

L’attività del Gruppo è esposta a una serie di rischi finanziari che possono influenzare la situazione patrimoniale-finanziaria, il risultato economico e i flussi finanziari.

Di seguito sono esposte le principali tipologie di tali rischi:

La gestione operativa dei suddetti rischi è suddivisa tra le diverse unità organizzative cui le singole tipologie di rischio competono funzionalmente.

Inoltre, i principali rischi finanziari vengono riportati e discussi a livello di Capogruppo al fine di creare i presupposti per la loro copertura, assicurazione e valutazione del rischio residuale.

Nel seguito viene commentato il grado di significatività dell’esposizione del Gruppo alle varie categorie di rischio finanziario individuate.

Rischio di mercato

Rischio di cambio

L’esposizione al rischio di variazioni dei tassi di cambio deriva dalle attività commerciali del Gruppo condotte anche in valute diverse dall’Euro. Ricavi e costi denominati in valuta possono essere influenzati dalle fluttuazioni del tasso di cambio con impatto sui margini commerciali (rischio economico), cosi come i debiti e i crediti commerciali in valuta possono essere impattati dai tassi di conversione utilizzati, con effetto sul risultato economico (rischio transattivo). Infine, le fluttuazioni dei tassi di cambio si riflettono anche sui risultati consolidati e sul patrimonio netto poiché i bilanci di alcune società incluse nel perimetro di consolidamento sono redatti in valuta diversa dall’Euro e successivamente convertiti (rischio traslativo).

Il principale rapporto di cambio a cui è esposto il Gruppo è il rapporto Euro/Dollaro Statunitense (USD), con riferimento prevalentemente alle disponibilità liquide detenute in USD e agli acquisti e alle vendite effettuate in USD. Un ulteriore rapporto di cambio a cui è esposto il Gruppo, è rappresentato dal rapporto Euro/Real Brasiliano, con riferimento al valore della partecipazione nella società collegata Elber e al debito residuo per earn-out per il periodo 2021 denominato in valuta brasiliana e legato all’acquisto della stessa.

Con riferimento al rischio di cambio, è stata elaborata un’analisi di sensitività per determinare l’effetto sul conto economico e sul patrimonio netto che deriverebbe da un apprezzamento/deprezzamento dell’Euro pari al 10% contro il Dollaro Statunitense, in una situazione di costanza di tutte le altre variabili. L’analisi è stata effettuata considerando la cassa e le disponibilità liquide equivalenti, nonché i crediti commerciali e i debiti commerciali al termine di ciascun esercizio.

La tabella di seguito evidenzia i risultati dell’analisi svolta:

RISCHIO CAMBIO

 

 

(In migliaia di Euro)

Impatto sull’utile e sul patrimonio netto, al netto dell’effetto fiscale

 

 

USD

Analisi di sensitività

-10%

+10%

Esercizio chiuso al 31/12/2020

866

(708)

Esercizio chiuso al 31/12/2019

594

(485)

Nota: si segnala che il segno positivo indica un maggiore utile e un aumento del patrimonio netto; il segno negativo indica un minore utile e un decremento del patrimonio netto; il segno meno percentuale un apprezzamento, il segno più percentuale un deprezzamento del dollaro.

Rischio di tasso d’interesse

Il rischio tasso di interesse è originato dal possibile incremento degli oneri finanziari netti in conseguenza di variazioni sfavorevoli dei tassi di mercato sulle posizioni finanziarie a tasso variabile, che espongono il Gruppo a un rischio di “cash flow” originato dalla volatilità dei tassi.

Il rischio di tasso di interesse a cui è esposto il Gruppo è principalmente originato dai mutui e dai finanziamenti bancari in essere.

I debiti a tasso fisso espongono il Gruppo a un rischio di fair value (valore equo) in relazione alle variazioni del fair value (valore equo) del debito connesse alle variazioni sul mercato dei tassi di riferimento.

In considerazione dell’andamento atteso della congiuntura economica e quindi del livello particolarmente basso dei tassi di interesse, la decisione del Gruppo nel corso dell’esercizio è stata orientata principalmente al ricorso all’indebitamento finanziario a tasso fisso, al fine di limitare il rischio di cash flow connesso a un indebitamento a tasso variabile.

Si precisa che il Gruppo non utilizza strumenti derivati su tassi di interesse (“Interest Rate Swaps”) ai fini di copertura del rischio di tasso di interesse.

Con riferimento al rischio di tasso d’interesse, è stata elaborata un’analisi di sensitività per determinare l’effetto sul conto economico e sul patrimonio netto che deriverebbe da una ipotetica variazione positiva e negativa di 50 bps rispetto a quelli effettivamente rilevati nel triennio in esame, in una situazione di costanza di tutte le altre variabili. L’analisi è stata effettuata considerando la cassa e le disponibilità liquide equivalenti, nonché i mutui e i finanziamenti a breve e medio/lungo termine.

La tabella di seguito evidenzia i risultati dell’analisi svolta:

(In migliaia di Euro)

Impatto sull’utile, al netto dell’effetto fiscale

Impatto sul patrimonio netto, al netto dell’effetto fiscale

 

Analisi di sensitività

-50 bps

+50 bps

-50 bps

+50 bps

Esercizio chiuso al 31/12/2020

(101)

101

(101)

101

Esercizio chiuso al 31/12/2019

(62)

62

(62)

62

Nota: si segnala che il segno positivo indica un maggiore utile ed un aumento del patrimonio netto; il segno negativo indica un minore utile ed un decremento del patrimonio netto.

Rischio di prezzo

I costi di produzione del Gruppo sono influenzati dall’andamento dei prezzi delle principali materie prime utilizzate quali, in particolare, i metalli e le materie plastiche. Il prezzo di tali materie varia in funzione di un ampio numero di fattori, in larga misura non controllabili dal Gruppo e difficilmente prevedibili.

Con riferimento agli acquisti effettuati dal Gruppo sul mercato cinese e denominati in USD o in Euro, il Gruppo risulta inoltre esposto a un rischio di prezzo dovuto all’andamento del tasso di cambio con la valuta locale; il prezzo dei prodotti acquistati in USD o Euro, secondo pratiche commerciali d’uso sul mercato cinese, può infatti variare sulla base dell’andamento del tasso di cambio della valuta locale (Renmimbi) nei confronti del dollaro statunitense e dell’Euro rispettivamente.  

Il Gruppo attua una strategia di riduzione del rischio di incremento dei prezzi delle merci o delle materie prime attraverso, da un lato, la stipula di contratti di fornitura a prezzi bloccati e, dall’altro, la rinegoziazione contrattuale dei prezzi praticati ai clienti After Market (rivenditori e installatori Automotive e clienti del settore Hospitality e Leisure time) mentre la componente OEM dei ricavi evidenzia una maggiore rigidità delle condizioni  contrattuali di prezzo.

Il Gruppo è stato in grado di reperire e acquistare materie prime e semilavorati in misura adeguata a sostenere le proprie necessità e a mantenere i propri standard qualitativi. Con riferimento agli esercizi chiusi al 31 dicembre 2020 e 2019, il Gruppo non ha adottato forme di copertura del rischio di volatilità dei costi delle materie prime.

Rischio di credito 

Il rischio di credito rappresenta il rischio che il Gruppo soffra una perdita finanziaria per effetto dell’inadempimento da parte di terzi di un’obbligazione di pagamento.

Con riferimento al rischio della controparte, le disponibilità liquide sono detenute presso primarie istituzioni bancarie e finanziare, mentre il rischio connesso al normale svolgimento delle operazioni commerciali è monitorato dal management del Gruppo con l’obiettivo di minimizzare il rischio di controparte che è essenzialmente legato alle dilazioni di pagamento concesse in relazione alle attività di vendita di prodotti e servizi, sulla base di informazioni storiche sui tassi di insolvenza delle controparti stesse. Nello specifico, le strategie di gestione di tale rischio si sostanziano nella selezione della propria clientela anche in base a criteri di solvibilità, nell’utilizzo di procedure interne per la valutazione del merito creditizio della stessa, e in parte nell’assicurazione dei propri crediti e nell’utilizzo di lettere di credito a garanzia del buon fine degli incassi.

L’incidenza dei primi 10 clienti sul totale dei crediti commerciali del Gruppo al 31 dicembre 2020 è pari al 57% (52% al 31 dicembre 2019).

La seguente tabella illustra l’analisi dei crediti commerciali scaduti e non svalutati al 31 dicembre 2020 e 2019:

(In migliaia di Euro)

Composizione crediti commerciali per scadenza

 

31/12/2020

A scadere

Scaduto entro 90 giorni

Scaduto tra 90 e 180 giorni

Scaduto oltre i 180 giorni

Crediti commerciali al lordo del fondo

29.195

27.181

1.577

94

342

Fondo svalutazione crediti

(466)

(57)

(181)

(46)

(182)

Totale crediti commerciali

28.729

27.024

1.396

48

260

 

 

L’aumento dei crediti è dovuto principalmente all’aumento di fatturato nel nord america, i cui clienti hanno scadenze di pagamento più brevi rispetto al resto del mondo.

(In migliaia di Euro)

Composizione crediti commerciali per scadenza

 

31/12/2019

A scadere

Scaduto entro 90 giorni

Scaduto tra 90 e 180 giorni

Scaduto oltre i 180 giorni

Crediti commerciali al lordo del fondo

27.161

23.436

3.289

159

277

Fondo svalutazione crediti

(375)

-

(236)

(41)

(98)

Totale crediti commerciali

26.786

23.436

3.053

118

179

 

Rischio di liquidità

Per rischio di liquidità o rischio di finanziamento, si intende il rischio che il Gruppo possa incontrare difficoltà nel reperimento di fondi necessari a onorare gli impegni derivanti dagli strumenti finanziari.

Una gestione prudente del rischio di liquidità originato dalla normale operatività del Gruppo implica il mantenimento di un adeguato livello di disponibilità liquide e di fondi ottenibili mediante un adeguato ammontare di linee di credito. Le seguenti tabelle riepilogano le linee di credito al 31 dicembre 2020 e 2019 con l’indicazione dell’importo accordato, dell’importo utilizzato e del relativo importo disponibile:

 

(In migliaia di Euro)

31/12/2020

31/12/2019

 

Importo linea

Utilizzo

Importo disponibile

Importo linea

Utilizzo

Importo disponibile

Credito Valtellinese

220

-

220

220

-

220

Rimini Banca

100

-

100

120

-

120

BPER Banca

40

-

40

40

-

40

Banco Desio

-

-

-

-

-

-

UBI Banca

400

-

400

400

-

400

Intesa San Paolo

100

-

100

100

-

100

Unicredit

100

-

100

100

-

100

Banca d'Alba

1.000

-

1.000

1.000

-

1.000

Conti correnti

1.960

-

1.960

1.980

-

1.980

 

 

 

 

 

 

 

Rimini Banca

1.600

-

1.600

1.600

-

1.600

Cariparma/Credit Agricole

1.500

-

1.500

1.500

-

1.500

BPER Banca

550

-

550

550

-

550

Banco Desio

-

-

-

-

-

-

Credito Valtellinese

3.000

-

3.000

2.000

-

2.000

Intesa San Paolo

1.600

(449)

1.151

1.600

(286)

1.314

UBI Banca

2.250

(618)

1.632

2.250

(503)

1.747

Banca d'Alba

2.500

(396)

2.104

2.500

(929)

1.571

Unicredit

1.400

(405)

995

1.400

(359)

1.041

Anticipi su fatture salvo buon fine

14.400

(1.868)

12.532

13.400

(2.076)

11.324

Factoring

-

-

-

-

-

-

Totale

16.360

(1.868)

14.492

15.380

(2.076)

13.304

 

 

Le seguenti tabelle includono un’analisi per scadenza delle passività. Le varie fasce di scadenza sono determinate sulla base del periodo intercorrente tra la data di riferimento del bilancio e la scadenza contrattuale delle obbligazioni. Gli importi presentati nelle tabelle sono quelli contrattuali non attualizzati. La tabella non riporta gli esborsi connessi ai debiti tributari che verranno versati all’erario sulla base delle scadenze previste dalla normativa vigente.

(In migliaia di Euro)

31/12/2020

Esborsi previsti

 

 

Entro 1 anno

Oltre 1 anno e fino a 5 anni

Oltre 5 anni

Totale

Passività finanziarie

47.681

19.090

27.391

1.663

48.144

Debiti commerciali

25.923

25.923

 

 

25.923

Altre passività

6.923

6.923

-

-

6.923

Totale

80.527

51.723

27.006

1.799

80.528

 

 

(In migliaia di Euro)

31/12/2019

Esborsi previsti

 

 

Entro 1 anno

Oltre 1 anno e fino a 5 anni

Oltre 5 anni

Totale

Passività finanziarie

33.433

13.778

17.205

2.450

38.178

Debiti commerciali

24.360

24.360

 

 

24.360

Altre passività

7.225

7.225

-

-

7.225

Totale

65.018

45.363

21.950

2.450

69.763

 

Si specifica che sono presenti linee di credito, liquidità e crediti sufficienti, unitamente alla capacità della Società e del Gruppo di generare flussi di cassa operativi, a far fronte all’esposizione sopra evidenziata, con particolare riferimento agli impegni in scadenza “entro in 1 anno”.

In data 10 gennaio 2020 è stato estinto il finanziamento con Unicredit per Euro 4.254.486 ed in data 9 gennaio 2020 è stato sottoscritto da Indel B SpA Spa un Finanziamento con l’istituto di credito Unicredit per un importo pari ad Euro 10.000.000 con una durata di 5 anni ed un tasso di interesse fisso più conveniete rispetto al finanziamento estinto. In data 22 aprile 2020, Indel B SpA Spa ha sottoscritto un finanziamento con l’istituto di credito Banco di Desio e della Brianza S.p.A. di Euro 5.000 migliaia.In data 30 aprile 2020, Indel B SpA, ha stipulato con l’istituto di credito BPER Banca S.p.A. finanziamento chirografario per un ammontare pari a Euro 5.000 migliaia, sempre in data 30 aprile 2020, Indel B SpA, ha stipulato con l’istituto di credito Intesa SanPaolo S.p.A. un finanziamento per un ammontare pari a Euro 3.000 migliaia. In data 12 maggio 2020, Indel B SpA, ha stipulato con l’istituto di credito Riviera Banca Credito Coperativo di Rimini e Gradara Società Coperativa un finanziamento per un ammontare pari a Euro 5.000 migliaia. La controllata Autoclima ha stipulato un finanziamento per Euro 1.000 migliaia con Unicredit in aprile 2020 e ulteriori due finanziamenti a settembre 2020 di cui Euro 1.000 migliaia con l’istituto di credito Ubi  Banca e Euro 1.500 migliaia con l’istituto Intesa San Paolo.

 

Gestione del rischio di capitale

Il Gruppo monitora il capitale anche sulla base del Gearing Ratio definito come il rapporto tra (i) l’Indebitamento Finanziario Netto (come di seguito definito) e (ii) la somma del patrimonio netto consolidato e dell’Indebitamento Finanziario Netto.

La seguente tabella illustra il Gearing Ratio al 31 dicembre 2020 e 2019:

(In migliaia di Euro)

31/12/2020

31/12/2019

Indebitamento Finanziario Netto (A)

4.587

12.553

Patrimonio netto (B)

92.673

90.667

Capitale totale ( C)=(A)+(B)

97.260

103.220

Gearing ratio (A)/( C)

4,7%

12,2%

 

 

Ai fini della modalità di determinazione dell’Indebitamento Finanziario Netto, si rinvia alla nota 25 “Indebitamento Finanziario Netto”.

A completamento dell’informativa sui rischi finanziari, si riporta di seguito una riconciliazione tra le classi di attività e passività finanziarie così come identificate nello schema di situazione patrimoniale-finanziaria e le tipologie di attività e passività finanziarie identificate sulla base dei requisiti previsti dal principio contabile internazionale - IFRS 7 - adottato nel presente Bilancio Consolidato.

(In migliaia di Euro)

Costo ammortizzato

Fair value contabilizzato in OCI

Fair value contabilizzato a conto economico

31/12/2020

ATTIVITA’ DELLO STATO PATRIMONIALE

 

 

 

 

Altri crediti e altre attività non correnti

267

 

 

267

Attività per imposte anticipate

794

 

 

794

Altre Partecipazioni

-

 

66

66

Crediti commerciali

28.729

 

 

28.729

Disponibilità liquide e mezzi equivalenti

43.094

 

 

43.094

Altri crediti e altre attività correnti

3.184

 

 

3.184

Totale

76.068

-

66

76.134

 

 

 

 

 

PASSIVITA' DELLO STATO PATRIMONIALE

 

 

 

 

Passività finanziarie non correnti

28.805

 

 

28.805

Passività finanziarie correnti

18.876

 

 

18.876

 

-

 

 

-

Debiti commerciali

25.923

 

-

25.923

Altre passività correnti

6.909

 

 

6.909

Totale

80.368

-

-

80.368

 

 

 

 

 

 

(In migliaia di Euro)

Costo ammortizzato

Fair value contabilizzato in OCI

Fair value contabilizzato a conto economico

31/12/2019

ATTIVITA’ DELLO STATO PATRIMONIALE

 

 

 

 

Altri crediti e altre attività non correnti

91

 

 

91

Attività finanziarie correnti

1.169

 

 

1.169

Altre Partecipazioni

-

 

66

66

Crediti commerciali

26.786

 

 

26.786

Disponibilità liquide e mezzi equivalenti

20.880

 

 

20.880

Altri crediti e altre attività correnti

4.574

 

 

4.574

Totale

53.500

-

66

53.566

 

 

 

 

 

    PASSIVITA' DELLO STATO PATRIMONIALE

 

 

 

 

Passività finanziarie non correnti

21.685

 

 

21.685

Passività finanziarie correnti

11.747

 

 

11.747

Debiti commerciali

24.360

 

-

24.360

Altre passività correnti

7.224

 

 

7.224

Totale

65.016

-

-

65.016

 

Fair value (valore equo)

In relazione alle attività e passività rilevate nella situazione patrimoniale-finanziaria, l’IFRS 13 richiede che tali valori siano classificati sulla base di una gerarchia di livelli, che rifletta la significatività degli input utilizzati nella determinazione del fair value.

Di seguito si riporta la classificazione dei fair value degli strumenti finanziari sulla base dei seguenti livelli gerarchici:

       il mercato principale dell’attività o della passività o, in assenza di un mercato principale, il mercato più vantaggioso dell’attività o della passività;

       la possibilità per l’entità di effettuare un’operazione con l’attività o con la passività al prezzo di quel mercato alla data di valutazione.

       prezzi quotati per attività o passività similari in mercati attivi;

       prezzi quotati per attività o passività identiche o similari in mercati non attivi;

       dati diversi dai prezzi quotati osservabili per l’attività o passività, a titolo esemplificativo, tassi di interesse e curve dei rendimenti osservabili a intervalli comunemente quotati, volatilità implicite e spread creditizi;

       input corroborati dal mercato.

Ai fini della valutazione delle poste valutate al Fair value indicate nella tabella di cui al punto precedente è stato utilizzato un Livello 3 di Fair value.

 

  1. INFORMATIVA PER SETTORE OPERATIVO

Un settore operativo è una componente di un’entità:

         che intraprende attività imprenditoriali generatrici di ricavi e di costi (compresi i ricavi e i costi riguardanti operazioni con altre componenti della medesima entità);

         i cui risultati operativi sono rivisti periodicamente dal più alto livello decisionale operativo dell’entità (per Indel B SPA il Consiglio di Amministrazione) ai fini dell’adozione di decisioni in merito alle risorse da allocare al settore e della valutazione dei risultati; e

         per la quale sono disponibili informazioni economico-patrimoniali separate.

Il Gruppo ha identificato un solo settore operativo. In particolare, l’informativa gestionale predisposta e resa disponibile al Consiglio di Amministrazione per le finalità sopra richiamate, considera l’attività di impresa svolta dal Gruppo come un insieme indistinto; conseguentemente in bilancio non è presentata alcuna informativa per settore operativo.

Negli esercizi chiusi al 31 dicembre 2020 e 2019 non si rilevano inoltre fenomeni di concentrazione di ricavi dei singoli clienti superiori al 10%.

 

NOTE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

  1. ATTIVITA’ IMMATERIALI

La composizione e movimentazione della voce in oggetto risulta dettagliabile come segue:

(In migliaia di Euro)

Avviamento

Costi di sviluppo

Diritti di brevetto industriale e utilizzazione opere d'ingegno

Concessioni, licenze, marchi e diritti simili

Altre attività immateriali

Attività immateriali in corso e acconti

Totale

Valori netti al 01/01/2019

7.146

1.566

29

4.378

4.213

16

17.348

Costo storico al 01/01/2019

7.146

3.773

72

5.581

5.509

16

22.097

Incrementi

1.381

525

6

76

-

60

2.048

Altri movimenti incluse riclassifiche

-

14

-

-

-

(14)

-

Costo storico al 31/12/2019

8.527

4.312

78

5.657

5.509

62

24.145

Fondo ammortamento al 01/01/2019

-

(2.207)

(43)

(1.203)

(1.296)

-

(4.749)

Fondo ammortamento al 01/01/2019 Indel B North America

-

-

-

-

-

-

-

Ammortamenti

-

(754)

(2)

(309)

(952)

-

(2.017)

Fondo ammortamento al 31/12/2019

-

(2.961)

(45)

(1.512)

(2.248)

-

(6.766)

Valori netti al 31/12/2019

8.527

1.351

33

4.145

3.261

62

17.379

Costo storico al 01/01/2020

8.527

4.312

78

5.657

5.509

62

24.145

 Incrementi 

-

27

20

149

47

112

355

 Decrementi

-

-

-

(19)

-

(2)

(21)

 Differenze di conversione

-

-

-

(1)

-

-

(1)

 Altri movimenti incluse riclassifiche

-

-

-

36

-

(36)

0

 Costo storico al 31/12/2020

8.527

4.339

98

5.822

5.556

136

24.478

 Fondo ammortamento al 01/01/2020

-

(2.961)

(45)

(1.512)

(2.248)

-

(6.766)

Ammortamenti

-

(526)

(7)

(312)

(963)

-

(1.808)

Decrementi

-

-

-

4

-

-

4

Differenze di conversione

-

-

-

1

-

-

1

Altri movimenti incluse riclassifiche

-

-

-

-

-

-

-

Fondo ammortamento al 31/12/2020

-

(3.487)

(52)

(1.819)

(3.211)

-

(8.569)

Valori netti al 31/12/2020

8.527

852

46

4.003

2.345

136

15.909

 

Gli investimenti in attività immateriali effettuati dal Gruppo nell’esercizio 2020, pari complessivamente a Euro 355 migliaia, sono principalmente relativi a:

-        Indel B ha investito in concessioni, licenze, marchi e diritti simili, principalmente relativi per un importo pari a Euro 82 migliaia, con riferimento all’acquisto di 90 licenze software relative all’ Enterprise Resource Planning (ERP) Oracle

 

-        Autoclima  ha investito Euro 90 migliaia  per progetti in corso rigurdanti lo  sviluppo tecnico di nuovi prodotti.

 

-        attività immateriali in corso e acconti principalmente riferiti per un importo pari a Euro 42 migliaia relativi alle spese sostenute per la realizzazione del nuovo sito e-commerce destinato alla vendite online da Indel B e Euro 18 migliaia per acconti su nuovo software gestionale. 

 

L’avviamento al 31 dicembre 2020, pari a Euro 8.527 migliaia, si è incrementato di Euro 1.381 migliaia nel 2019 per l’acquisizione di Indel B North America.

 

L’avviamento viene considerato un’attività immateriale a vita utile indefinita e pertanto non risulta ammortizzato, ma sottoposto almeno annualmente ad impairment test al fine di verificare la recuperabilità del valore iscritto a bilancio. Facendo anche seguito alle linee guida licenziate dall’ ESMA e da Consob in seguito alla pandemia Covid-19, si è proceduto con gli impairment test per il bilancio 2020, sugli avviamenti iscritti facendo riferimento all’unità generatrice di flussi di cassa (Cash Generating Unit) cui gli stessi sono allocabili. Le Unità generatrici di flussi di cassa sono identificate con le legal entity acquisite.

Tale metodologia consente la verifica più efficace degli avviamenti e dei piani di investimento futuri e fornisce un’analisi omogenea alle informazioni comunicate al mercato.

L’impairment test consiste nel verificare che il valore contabile di un’attività iscritto in bilancio non sia  superiore alla stima del valore recuperabile dell’attività stessa.

Il valore recuperabile di un'attività è il maggiore tra il fair value, dedotti i costi di vendita, e il valore d'uso.

Il fair value è definito come l’ammontare al quale un’attività può essere scambiata in una transazione ordinata tra partecipanti di mercato, dedotti i costi della vendita.

Il valore d'uso è il valore attuale della stima dei flussi finanziari futuri in entrata e in uscita che deriveranno dall'uso continuativo dell'attività e dalla sua dismissione finale.

L’avviamento iscritto nello stato patrimoniale si riferisce alla controllata Autoclima e sue controllate e alla società americana Indel B North America acquistata a marzo 2019. Il Gruppo Autoclima e la controllata americana rappresentano le due CGU a cui sono stati allocati i rispettivi avviamenti.

Per la valutazione del valore in uso utilizzato nell’ambito dell’impairment test dell’avviamento riferito al gruppo Autoclima e della controllata Indel B North America, sono stati utilizzati i flussi di cassa operativi, che derivano dalle proiezioni economiche e finanziarie basate sul Piano industriale di medio termine approvato dai rispettivi Consigli di Amministrazione nei mesi di marzo e aprile 2021, con un orizzonte esplicito fino al 2025.

I test di impaiment sui business plan della due società sono stati effettuati dalla società Deloitte & Touche  effettuato mediante il confronto tra:

Come previsto dai principi contabili internazionali e dalla principale prassi in vigore, il Recoverable Amount, nella configurazione di Valore d’Uso, è stato stimato attraverso l’applicazione del metodo del Discounted Cash Flow (“UDCF”).

Il Valore d’Uso, determinato come Enterprise Value, è stato ottenuto tramite la sommatoria:

Per la determinazione del Terminal Value necessario per addivenire alla stima dell’Enterprise Value abbiamo considerato il valore dei flussi di cassa generati in ipotesi di continuità alla fine del periodo di proiezione esplicita (2025). Il valore del Terminal Value è stato stimato mediante applicazione di una rendita perpetua (o perpetuity) considerando il flusso di cassa medio normale sostenibile nel lungo periodo, il tasso di attualizzazione e un saggio di crescita perpetua. In particolare è stato effettuato il calcolo del flusso di cassa normalizzato mediante l’utilizzo di Ebitda e ammortamenti pari a quelli del 2025. La stima del valore del Terminal Value ha considerato un tasso di crescita (growth rate) pari alle stime di inflazione attesa nel lungo periodo per i paesi di riferimento (fonte IMF, ottobre 2020).

Il tasso di sconto utilizzato per l’attualizzazione dei flussi di cassa è il WACC (Weighted Average Cost of Capital) nella sua configurazione post-tax alla data del 31 dicembre 2020.

Il WACC calcolato per la CGU Autoclima risulta pari a 9,73%.

Il WACC calcolato per la CGU North America risulta pari a 10,65%.

Nessuna perdita di valore è stata riscontrata in sede di impairment test in quanto il valore recuperabile relativo ad entrambe le CGU cui è stato allocato l’avviamento è risultato superiore al capitale investito netto delle stesse comprensivo del valore dell’avviamento e degli altri intangibili iscritti. Le analisi di sensitività effettuate con riferimento al WACC e al tasso “g” non hanno evidenziato criticità.

Al 31 dicembre 2020 e 2019 le attività immateriali non risultano gravate da vincoli o garanzie.

 

 

 

  1. ATTIVITÀ MATERIALI

 

La composizione e movimentazione della voce in oggetto risulta dettagliabile come segue:

 

(In migliaia di Euro)

Terreni

Fabbricati e migliorie su beni di terzi

Impianti e macchinari

Attrezzature industriali e commerciali

Altri beni

Attività materiali in corso e acconti

Totale

Valori netti al 01/01/2019

2.749

17.745

4.153

466

635

1.337

27.085

Costo storico al 01/01/2019

2.749

20.659

15.066

3.423

4.679

1.337

47.913

Costo storico al 01/01/2019 Indel B North America

232

450

-

-

90

-

772

 Incrementi 

-

271

1.602

379

507

5.073

7.832

 Decrementi

-

-

(7)

(75)

(60)

(25)

(167)

 Differenze di conversione

-

-

-

-

-

-

-

 Altri movimenti incluse riclassifiche

-

986

(855)

20

55

(1.312)

(1.106)

Costo storico al 31/12/2019

2.981

22.366

15.806

3.747

5.271

5.073

55.244

Fondo ammortamento al 01/01/2019

-

(2.914)

(10.913)

(2.957)

(4.044)

-

(20.828)

Fondo ammortamento al 01/01/2019 Indel B North America

-

(89)

-

-

(64)

-

(153)

Ammortamenti

-

(534)

(864)

(259)

(293)

-

(1.950)

Decrementi

-

-

3

75

59

-

137

Differenze di conversione

-

-

-

-

-

-

-

Altri movimenti incluse riclassifiche

-

-

569

-

(1)

-

568

Fondo ammortamento al 31/12/2019

-

(3.537)

(11.205)

(3.141)

(4.343)

-

(22.226)

Valori netti al 31/12/2019

2.981

18.829

4.601

606

928

5.073

33.018

Costo storico al 01/01/2020

2.981

22.366

15.806

3.747

5.271

5.073

55.244

 Incrementi 

13

157

2.602

388

366

461

3.987

 Decrementi

-

-

(55)

(22)

(99)

(6)

(182)